Il presidente Barack Obama durante l'elogio funebre per il senatore Clementa Pinckney. (AP Photo/David Goldman)
  • Mondo
  • sabato 27 giugno 2015

Il video di Obama che canta “Amazing Grace” nella chiesa di Charleston

Durante il funerale del pastore ucciso nell'attentato della scorsa settimana: è stata una cosa inaspettata e molto emozionante

Il presidente Barack Obama durante l'elogio funebre per il senatore Clementa Pinckney. (AP Photo/David Goldman)

Il presidente degli Stati Uniti Barack Obama ha partecipato ieri al funerale di Clementa C. Pinckney, il pastore della chiesa metodista di Charleston dove la scorsa settimana il 21enne Dylann Roof ha ucciso nove persone. Obama ha tenuto un discorso di 40 minuti in cui ha parlato delle attuali discriminazioni verso gli afroamericani, della necessità di approvare una legge sul controllo delle armi e ha appoggiato la decisione di rimuovere la bandiera confederata dalla capitale del South Carolina, Columbia. Alla fine del discorso, parlando della “grazia” citata più volte nei minuti precedenti, Obama ha anche intonato il famoso canto cristiano “Amazing Grace”, da decenni una specie di inno per i credenti afroamericani. Le persone presenti hanno reagito con sorpresa e poi si sono unite al canto di Obama.

Il funerale di Pinckney è durato circa quattro ore e hanno partecipato circa seimila persone compresi il vicepresidente Joe Biden e la candidata alle elezioni presidenziali del 2016 Hillary Clinton. È stato il terzo funerale dei nove previsti per le altrettante persone uccise a Charleston. L’ultimo funerale si terrà martedì 30 giugno nella chiesa di Emanuel, la stessa dove ieri si è tenuto quello di Pinckney.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.