• Media
  • lunedì 15 giugno 2015

Chi è Sofia Viscardi

Da dove viene il grande successo su YouTube dell'adolescente che dopo aver intervistato Roberto Saviano, ora ha pubblicato un libro

Sofia Viscardi è una ragazza milanese di 18 anni, molto famosa tra gli adolescenti: è una youtuber, cioè gira e monta dei video che poi carica su YouTube, su un canale personale seguito da oltre 500.000 persone. Viscardi ha anche una pagina Facebook seguita da 133mila persone, più di 340mila followers su Twitter e oltre un milione di seguaci su Instagram. Dall’ottobre del 2011 Viscardi posta video su YouTube i cui titoli sono, per esempio, “Mamma, ho preso un brutto voto”, “Allarme San Valentino” o anche “Siamo schiavi della tecnologia?”. Il 24 maggio 2016 Mondadori ha mandato in libreria il primo romanzo di Viscardi, dal titolo Succede.

sofia-viscardi

Il 13 giugno 2015 Sofia Viscardi aveva pubblicato sul suo secondo canale YouTube Sofia Viscardi Vlogs – oggi non più attivo – una sua intervista allo scrittore Roberto Saviano, che vive sotto protezione da quando nel 2006 ha scritto il libro Gomorra. Viscardi aveva intervistato Saviano durante la terza edizione del Wired Next Fest, e nell’introduzione al video lo descrive come “un contenuto un po’ diverso dal solito”. Durante l’intervista, che dura poco meno di 10 minuti, chiede a Saviano di parlare della sua vita, del “suo mondo” e, soprattutto, del suo rapporto con i social network. Saviano parla di like e condivisioni, di haters e lovers, di cosa sia un bimbominkia e a Viscardi, che parla di una sua “visione fiori e rose del mondo”, Saviano dice di usare i social “in maniera bastarda”, ibrida: «Nei social faccio una comunicazione che può sembrare tipica di un giornale, allo stesso modo però vorrei aver fatto un selfie stamattina a Milano col sole».

Il video con Viscardi e Saviano è stato visto da quasi 100mila persone, molte meno della media dei video pubblicati da Viscardi sul suo primo canale: il video con più visualizzazioni (un milione e 300mila) è di aprile 2015 ed è intitolato “Con chi sono fidanzata?”. Un altro dei video più visti è intitolato “Quando Ho Abbracciato Harry Styles!”, uno dei membri degli One Direction

La maggior parte dei video che Viscardi pubblica sulla sua pagina raccontano – spesso con ironia – situazioni comuni a molti suoi coetanei e racconti di vita quotidiana. Così come molti altri e molte altre youtuber, Viscardi ha un rapporto diretto con il suo pubblico: alcuni video sono dedicati alle risposte che lei dà alle domande che riceve e in molti altri lei spiega dove è stata, cosa ha fatto e perché, magari, non ha avuto tempo di postare un determinato video. Oltre che su Youtube Viscardi risponde ai fan sui suoi profili social, in particolare su Ask.fm, un sito molto conosciuto e frequentato dagli adolescenti in cui ci si scambia domande e risposte su qualsiasi argomento. Sul suo blog Viscardi risponde anche a domande più tecniche, per esempio: “Con che macchina fotografica registri i tuoi video?”, “Con cosa editi i tuoi video? o, anche, “Che prodotti usi per curare i tuoi capelli?”. Viscardi spiega di usare per girare i suoi video una Sony Nex 5 o una Canon s120 e dice di montarli con Final Cut Pro, un programma professionale. Nei mesi è evidente un miglioramento nella qualità dei video e del loro montaggio, oltre che una maggiore praticità del mezzo e dei suoi scopi.

All’inizio del 2016, per alcuni mesi Viscardi ha sospeso la pubblicazione di nuovi video fino al 29 aprile, quando nel video “ricominciamo da qui” ha spiegato i motivi della pausa ai suoi follower, dicendo che «questa pausa mi è servita a riconciliare bene tutto ciò che mi passava per la testa in modo troppo disordinato».

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.