AP Photo/Tatan Syuflana
  • Mondo
  • lunedì 15 Giugno 2015

Le foto degli alcolici distrutti prima del Ramadan

Succede ogni anno in Indonesia, il più grande paese al mondo a maggioranza musulmana

AP Photo/Tatan Syuflana

L’Indonesia, il più grande paese del mondo a maggioranza musulmana, inizierà a osservare la festività del Ramadan il prossimo 18 giugno. Durante il Ramadan – il mese sacro dei musulmani, dedicato alla preghiera e al digiuno da mattino a sera – i fedeli devono astenersi dall’avere rapporti sessuali, dal fumo e dall’alcol. Per questa ragione in Indonesia ogni anno, nei giorni precedenti all’inizio del Ramadan, la polizia sequestra centinaia di bottiglie di alcol illegale o venduto in negozi senza licenza e le distrugge in pubblico. Queste sono le foto scattate a Giacarta, la capitale dell’Indonesia, nel corso dell’ultima settimana.

Il Ramadan – che in arabo significa “mese torrido” – è il nono mese del calendario lunare islamico e non ha una cadenza fissa: dura tra i 29 e 30 giorni e stabilirne l’inizio è piuttosto complicato, ogni paese segue le sue regole. Durante il Ramadan – oltre che dedicarsi alla preghiera e al digiuno – i musulmani sono tenuti alla carità con i poveri e a evitare le cattive azioni, le menzogne, le calunnie e i litigi. In questo periodo molti musulmani si recano in pellegrinaggio alla Mecca, la città santa dell’Islam, rileggono il Corano interamente e si dedicano a maggiori attività di preghiera.

Una volta tramontato il sole, familiari e amici si riuniscono insieme e dopo aver mangiato un dattero – come usava fare il profeta Maometto – iniziano a cenare: spesso si tratta di banchetti in cui vengono servite grandi portate e un sacco di dolci, mentre le persone si scambiano regali. Il rispetto del Ramadan è uno dei cinque pilastri dell’Islam: chi contravviene volontariamente ad alcune delle sue regole ha l’obbligo di rimediare attraverso atti di carità verso i bisognosi, come offerte di cibo o di denaro, o attraverso il prolungamento dell’astinenza fino a un periodo di 60 giorni.