Le mura esterne del Clinton Correctional Facility di Dannemora (Gabe Dickens/Press-Republican via AP)
  • Mondo
  • domenica 7 Giugno 2015

La spettacolare evasione di due detenuti da un carcere di New York

Hanno usato dei trapani elettrici, sono scappati attraverso dei tunnel e sono usciti in superficie da un tombino: sono tuttora ricercati

Le mura esterne del Clinton Correctional Facility di Dannemora (Gabe Dickens/Press-Republican via AP)

Nella notte fra il 5 e il 6 giugno due uomini sono evasi dal reparto di massima sicurezza del Clinton Correctional Facility, una prigione situata a Dannemora, nello stato di New York, negli Stati Uniti. La notizia è stata ripresa da molti siti di news statunitensi e stranieri per il fatto che l’evasione è stata piuttosto spettacolare: secondo quanto riferito dalle autorità statali di New York, i due uomini hanno forato la parete della loro cella con dei trapani elettrici e sono scappati attraverso una serie di tunnel che portano a un tombino poco distante dalla prigione. NBC News ha scritto che i due non sono ancora stati trovati, e che centinaia di agenti sono coinvolti nelle ricerche. Si tratta della prima evasione avvenuta nel reparto di massima sicurezza del Clinton Correctional Facility a partire dalla costruzione del reparto, nel 1865.

I due uomini si chiamano Richard Matt e David Sweat e hanno rispettivamente 48 e 34 anni. Matt stava scontando una condanna all’ergastolo con la possibilità di ottenere la condizionale per omicidio, rapina e rapimento in due casi separati, avvenuti fra il 1997 e il 2007. Sweat invece stava scontando una condanna all’ergastolo senza possibilità di ottenere la condizionale per avere ucciso un vice-sceriffo nel 2002. I due sono stati definiti «pericolosi» dal governatore dello stato di New York Andrew Cuomo, che ha invitato chiunque li incontri a informare le autorità.

Il responsabile delle carceri dello stato di New York Anthony Annuci ha detto che gli agenti hanno scoperto dell’evasione di Matt e Sweat in seguito a un controllo mattutino nella loro cella, alle 5.30 di sabato 6 giugno. Annuci ha spiegato che «è stato scoperto un buco ricavato nel retro della cella attraverso il quale i due detenuti sono scappati. Poi i due si sono calati da una passerella alta circa sei piani, e hanno attraversato una serie di tunnel, attraverso cui sono riusciti a passare facendosi strada con dei trapani». Annuci ha detto di non sapere ancora in che modo Matt e Sweat si sono procurati i trapani. I due detenuti avevano anche riempito i rispettivi letti di varie cianfrusaglie, per far credere alle guardie di essere sotto le coperte.

Cuomo ha percorso a ritroso il tragitto utilizzato da Matt e Sweat per scappare, e ha postato le foto dell’ispezione sul proprio account di Flickr e su Twitter.