Chi governa le regioni in Italia

Com'è cambiata la mappa politica dopo le elezioni regionali di domenica

Con le elezioni regionali di domenica 31 maggio c’è un nuovo equilibrio politico tra i governi delle regioni italiane, che somiglia molto a quello vecchio: il centrodestra ha perso in Campania, dove governava, ma ha vinto in Liguria, mentre il centrosinistra ha ottenuto il risultato opposto. Per il resto, in Veneto, Toscana, Umbria, Marche e Puglia ha vinto la coalizione che governava da prima. Questa è la nuova mappa politica dell’Italia, regione per regione: il PD governa in quindici regioni, la Lega Nord in due, Forza Italia in una – come l’Union Valdôtaine e il Partito Autonomista Trentino Tirolese.

mappa-italia-regioniAbruzzo
Luciano D’Alfonso del PD governa dal 2014.

Basilicata
Marcello Pittella del PD governa dal 2013.

Calabria
Mario Oliverio del PD governa dal 2014.

Campania
Vincenzo De Luca del PD governa dal 2015.

Emilia-Romagna
Stefano Bonaccini del PD governa dal 2014.

Friuli-Venezia Giulia
Debora Serracchiani del PD governa dal 2013.

Lazio
Nicola Zingaretti del PD governa dal 2013.

Liguria
Giovanni Toti di Forza Italia governa dal 2015.

Lombardia
Roberto Maroni della Lega Nord governa dal 2013.

Marche
Luca Ceriscioli del PD governa dal 2015.

Molise
Paolo Di Laura Frattura del PD governa dal 2013.

Piemonte
Sergio Chiamparino del PD governa dal 2014.

Puglia
Michele Emiliano del PD governa dal 2015.

Sardegna
Francesco Pigliaru del PD governa dal 2014.

Sicilia
Rosario Crocetta del PD governa dal 2012.

Toscana
Enrico Rossi del PD governa dal 2010.

Trentino-Alto Adige
Ugo Rossi del Partito Autonomista Trentino Tirolese governa dal 2014.

Umbria
Catiuscia Marini del PD governa dal 2010.

Valle d’Aosta
Augusto Rollandin dell’Union Valdôtaine governa dal 2008.

Veneto
Luca Zaia della Lega Nord governa dal 2010.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.