© DANIEL BOUD
  • Cultura
  • Questo articolo ha più di sette anni

La Sydney Opera House illuminata in modo speciale

Uno dei posti più "iconici" del mondo illuminato da artisti internazionali per il festival di luci "Vivid"

© DANIEL BOUD

Dal 22 maggio all’8 giugno si tiene a Sydney, in Australia, la settima edizione del Vivid, il famoso festival ideato da Brian Eno nel 2009 dedicato alle luci durante il quale gli edifici più importanti di Sydney vengono illuminati con proiezioni ideate e realizzate da artisti locali e internazionali. Uno dei progetti di quest’anno interessa la famosissima Opera House di Sydney, il simbolo della manifestazione, ed è stato realizzato da Universal Everything, un collettivo formato nel 2004 che include designers, programmatori, musicisti e artisti con base in Inghilterra, che ha realizzato progetti per Apple, Chanel, Nokia e per le Olimpiadi di Londra 2012, tra gli altri.

Per il progetto del Vivid, che si chiama Living Mural e unisce disegno, architettura e immagine in movimento, Universal Everything ha commissionato animazioni fatte a mano a 22 differenti artisti provenienti da tutto il mondo: è stato creato così un “racconto visuale” (la facciata dell’Opera House è usata come una tela) composto da sequenze di 30 secondi, ognuna descritta da una parola chiave – rise, fall, bounce, climb (salita, discesa, rimbalzo, scalata) – e accompagnata da una colonna sonora. Gli artisti coinvolti provengono da Stati Uniti, Argentina, Francia, Israele, Russia, Nuova Zelanda, Taiwan e Giappone e hanno lavorato per 4 mesi tra progettazione e realizzazione dei video.