Non scendete a Napoli

Il nuovo libro di Antonio Pascale, una “controguida appassionata alla città”

Rizzoli ha pubblicato il libro Non scendete a Napoli di Antonio Pascale, giornalista e scrittore, autore fra l’altro di La manutenzione degli affetti e Le attenuanti sentimentali, e blogger del Post. Il libro è, come spiega anche il sottotitolo, una “controguida appassionata alla città”, in cui Pascale prima cerca di convincere i visitatori a limitarsi a osservare Napoli dall’alto, da Castel Sant’Elmo, senza cadere nelle “sabbie mobili non segnalate” in agguato in città, per poi scendere a descrivere luoghi inusuali e meno conosciuti, che diano un’immagine della città che si discosti da quelle degli stereotipi classici, e che anzi faccia capire come Napoli non sia poi così diversa dal resto d’Italia.

In questo estratto Pascale spiega la tendenza (che si può estendere ben oltre Napoli) a non fare: a “stare fermi sullo scoglio”.

***

Io li ho letti i primi viaggiatori, come Stendhal: i suoi diari napoletani (tra il 1811 e il 1828) raccolgono testimonianze oculari e impressioni sul Sud costruite integrando racconti di altri viaggiatori (stranieri, meridionali, centrosettentrionali) e alla fine di questo percorso conoscitivo cosa veniva fuori? Che da una parte c’erano gli uomini del Nord, dall’altra quelli del Sud, questi ultimi distinti da una qualità: liberi dalla civiltà, conoscevano l’autenticità (in quanto energici, schietti) e quella bonheur che gli ultracivilizzati europei avevano perso.

E dove mai avrò letto quel consiglio ai piloti dell’aviazione civile di parlare ai passeggeri, per non spaventarli, con il tono di un uomo del Sud, caldo, colloquiale, sincero, in opposizione al tono dell’uomo del Nord, freddo, robotico, meccanico?

Me lo sono sognato questo consiglio? Non trovo la fonte, ma nella mia memoria il tono caldo serve a tranquillizzare, perché sprizza autenticità, quello robotico, infatti, tipico del Nord, mette paura.

Me lo sono sognato, può darsi, eppure devo averlo letto, perché per qualche tempo, in aereo, ho prestato attenzione ai toni, se ne riconoscevo uno da uomo del Sud, mi agitavo un po’. Mi chiedevo, perché mi vuole tranquillizzare? C’è un pericolo a bordo? C’è un sottotesto nel suo annuncio? Mica con la scusa dell’autenticità non mi dicono la verità?

Li ho sentiti seri intellettuali sostenere che Napoli ha un cuore grande. Durante il terremoto, per esempio, giurano che il suddetto organo fosse visibile, tangibile: il cuore pulsante dei napoletani. Che si aiutavano, si scambiavano, all’occorrenza, cibo e vestiti. Io li ho sentiti, e mai mi sarei aspettato considerazioni simili, quindi sono anch’io a rischio, sì, anch’io che faccio notare l’importanza dell’analisi e della comparazione: rispetto a quale città colpita da terremoto o catastrofe Napoli è risultata più generosa? Perché quelli del Belice non devono essere ugualmente generosi in caso di disgrazia? E gli emiliani?

Io sono a rischio, per questo resto qui sopra. Sotto c’è una palude che nega la storia, un paradiso che tanti vedono, o un inferno da cui tanti fuggono, ma entrambi fanno parte della stessa storia. La diversità! Sì, il tono caldo e sincero, in opposizione a quello robotico e meccanico.

Vero: sembrano categorie pittoresche e dunque facilmente riconoscibili e innocue, perché perderci tanto tempo?

Tuttavia presentano, e questo è il pericolo, una serie di declinazioni più difficili da cogliere, più raffinate nell’eloquio, ma che, in sintesi, partono dalla stessa matrice, la diversità appunto.

Se siamo diversi, siamo anche superiori, toccati da uno spirito che ci rende tali, il mare sconfigge i rifiuti. O, se siamo diversi e magari peggiori, è solo perché altri ci hanno espropriato l’originaria autenticità.

Una palude culturale. Sono cresciuto sui bordi. Fin dalla più tenera età.

Uno zio napoletano mi raccontò la seguente storiella. Un milanese – sì, la figura del milanese è una macchietta ricorrente nell’immaginario napoletano (una volta ho sentito un intellettuale napoletano dire a un Giorgio Bocca, che era di Cuneo, vabbe’, fatti una risata quando vieni a Napoli) – questo milanese, infervorato e produttivo, incontra un pescatore che, invece di uscire per mare, sta sugli scogli a prendere il sole. Perché non esci a prendere i pesci? chiede il milanese (in giacca e cravatta, così lo descriveva mio zio). Il pescatore risponde (apre appena gli occhi per incrociare lo sguardo di questo milanese supponente): e dopo che faccio? Dopo vendi il pescato e ti compri una barca più grande. E dopo? – sempre il pescatore. E dopo prendi più pesci, assumi anche dei pescatori, così che ti aiutano nella pesca. E dopo? Dopo prendi più pesci, li vendi, compri più barche, metti su una flotta e diventi il re dei pescatori. E dopo? Dopo ti compri una bella casa, proprio qui a via Caracciolo sul mare (mio zio ambientava la storia nei pressi di Castel dell’Ovo) e lasci che gli altri pescatori vadano al tuo posto e lavorino per te. E dopo? E dopo (risponde il milanese paonazzo, ricordiamoci che sta con la giacca e cravatta), dopo ti riposi. Pausa di mio zio… Tutti noi bambini ad ascoltare con la bocca aperta. E il pescatore risponde: e adesso, cosa sto facendo?

La storiella produceva in noi ragazzini un senso di superiorità. Eravamo più furbi, in anticipo sui tempi, conoscevamo, evidentemente, una scorciatoia che ci portava al traguardo.

Così, mentre i milanesi mettevano su le industrie con il solo scopo di rivolgere domande stupide al pescatore di via Caracciolo, noi napoletani sornioni chiudevamo gli occhi e ci godevamo il sole e il mare, un binomio che sconfigge ogni complicata nonché noiosissima procedura amministrativa, come la raccolta dei rifiuti. Almeno a sentire quell’alto rappresentante delle istituzioni che sui rifiuti voleva tagliare corto, tanto noi qua abbiamo il mare.

1 2 Pagina successiva »