• Italia
  • lunedì 11 maggio 2015

Lo sciopero della scuola di domani, 12 maggio 2015, e le prove INVALSI

Tutte le informazioni sulla giornata di domani nelle scuole, le prove INVALSI e i sindacati partecipanti

È stato indetto uno sciopero nazionale della scuola per domani, martedì 12 maggio, che riguarderà tutto il personale della scuola, docente, dirigente e Ata. Lo sciopero di domani è in realtà la terza giornata di un unico sciopero nazionale della scuola previsto in tre giorni: il 5 e il 6 maggio per le scuole elementari e materne, il 12 maggio per la scuola secondaria di primo grado (scuole medie) e secondo grado (licei e istituti tecnici e professionali). Lo sciopero riguarda l’intera di giornata di domani ed è stato indetto da Cobas Scuola: hanno aderito anche Unicobas, Autoconvocati Roma e USI ed è stato proclamato anche dall’ASA. Lo sciopero ha a che fare principalmente con le prove INVALSI previste per il 12 maggio e il 19 giugno nella scuola secondaria (per la scuola primaria si sono tenute il 6 e il 7 maggio).

Oltre allo sciopero per l’intera giornata previsto da Cobas Scuola, c’è anche la possibilità di aderire allo sciopero presentandosi comunque a scuola ma rifiutando di consegnare le prove INVALSI agli studenti, secondo una particolare forma di sciopero chiamato “sciopero breve di mansione”. Questo sciopero è stato indetto dall’USB. Non è stato ancora reso noto dal ministero dell’Istruzione e della Ricerca se l’adesione a questo sciopero di mansione comporterà una trattenuta dallo stipendio dei lavoratori che vi parteciperanno: per quanto si sa al momento potrebbe essere nulla (0 euro) ma anche del massimo previsto, che sono 17,50 euro l’ora.

Foto di Piero Cruciatti / LaPresse

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.