Berlusconi e il Milan «tutto italiano»

Ha detto che nel caso non vendesse il Milan vorrebbe «una sorta di Nazionale italiana, in un campionato come il nostro dove davvero si è ecceduto con gli stranieri»

Sabato sera l’ex presidente del Consiglio Silvio Berlusconi è stato intervistato da Tele Nord, una tv locale ligure (Berlusconi si trovava in Liguria per sostenere Giovanni Toti, il candidato di Forza Italia alla presidenza della regione). Durante l’intervista, Berlusconi ha anche parlato del Milan e della trattativa in corso da settimane per la sua cessione.

«Qualora queste trattative non avessero l’esito sperato, andrò avanti con un altro progetto, quello di un Milan tutto italiano. Una sorta di Nazionale italiana in un campionato come il nostro dove davvero si è ecceduto con gli stranieri, basti pensare che lo scorso anno nella finale di Coppa Italia c’era un solo italiano in campo e che il nostro commissario tecnico azzurro, per fare un attacco competitivo, ha dovuto convocare giocatori oriundi»

Nella finale di Coppa Italia dello scorso anno, giocata da Napoli e Fiorentina, i giocatori italiani in campo dall’inizio erano tre: Alberto Aquilani e Manuel Pasqual della Fiorentina e Lorenzo Insigne del Napoli. A partita in corso nella Fiorentina sono anche entrati Giuseppe Rossi e Alessandro Matri.

foto: Foto LaPresse – Spada