• Mondo
  • Questo articolo ha più di sette anni

Il direttore d’orchestra iracheno che suona il violoncello in mezzo alle macerie

Karim Wasfi ha cominciato qualche settimana fa in un quartiere di Baghdad: dice che vuole "riportare la bellezza" dopo gli attentati

Karim Wasfi, direttore dell’Orchestra Sinfonica Nazionale Irachena, ha cominciato a suonare il violoncello nei posti di Baghdad colpiti il giorno prima da attacchi terroristici. Alla fine di aprile, per esempio, una bomba è esplosa nel quartiere Karrada di Baghdad, la capitale dell’Iraq: il giorno dopo Wasfi è andato a Karrada, si è seduto su una sedia girevole e ha cominciato a suonare il violoncello, in mezzo agli edifici distrutti. Un video che lo ha ripreso è stato condiviso su YouTube e nel giro di due settimane è stato visto quasi 50mila volte.

La prima volta che Wasfi ha suonato il violoncello in questo modo è stato alla fine di aprile, il giorno dopo che un’esplosione aveva colpito il quartiere di Mansour, vicino a casa sua, uccidendo dieci persone. Quel giorno Wasfi ha suonato una sua composizione. Poi ha detto: «Quello che è successo è stato straordinario. Tutti – soldati, funzionari, netturbini, negozianti – tutti hanno smesso di fare quello che stavano facendo e si sono riuniti attorno a me e hanno cominciato ad ascoltare la musica. Hanno capito l’importanza della civiltà e della bellezza». Wasfi ha dato diverse interviste per spiegare il motivo per cui ha deciso di suonare in mezzo agli edifici distrutti o danneggiati dagli attentati: ha detto per esempio a BBC che vuole “portare la bellezza” a Baghdad, e la musica è uno degli aspetti più importanti della bellezza. Ad Al Jazeera ha detto invece che il governo iracheno non gli ha offerto protezione, nonostante ci siano alcuni gruppi armati contrari a questo tipo di esibizioni pubbliche.

Alla fine dello scorso anno la frequenza degli attentati a Baghdad era diminuita e dopo 12 anni il governo aveva deciso di togliere il coprifuoco. Un articolo della giornalista del Washington Post, Liz Sly, aveva raccontato come stava cambiando Baghdad e come stava diventando sempre più una città “normale” dopo gli anni violenti successivi all’invasione statunitense dell’Iraq del 2003. Negli ultimi mesi le cose sono cambiate di nuovo: la frequenza degli attentati è aumentata, soprattutto per la pressione crescente che l’ISIS ha cominciato a esercitare in alcuni quartieri di Baghdad. Le Nazioni Unite hanno detto che solo ad aprile nella provincia di Baghdad 319 civili sono stati uccisi in attacchi terroristici e violenze di vario tipo.