• Mondo
  • Questo articolo ha più di sette anni

Il video della madre di Baltimora che ha trascinato via suo figlio dagli scontri

Il ragazzo si era unito ai manifestanti che lanciavano pietre e bottiglie contro la polizia, ma si è preso un sacco di schiaffi

Nel tardo pomeriggio del 27 aprile a Baltimora, città statunitense del Maryland, ci sono stati violenti scontri tra manifestanti e polizia iniziati dopo la fine dei funerali di Freddie Gray, un ragazzo nero di 25 anni morto mentre era in custodia della polizia a seguito delle lesioni riportate durante l’arresto. Ci sono stati incendi, saccheggi, lanci di pietre e bottiglie contro gli agenti in tenuta antisommossa: almeno 15 poliziotti sono rimasti feriti e 27 persone sono state arrestate.

Dopo qualche ora hanno cominciato a circolare online video e foto di una donna che ha raggiunto uno dei manifestanti che indossava un passamontagna e l’ha trascinato via gridandogli contro, prendendolo a schiaffi e scoprendogli la faccia. La tv locale di Baltimora WMAR ha raccontato che la donna era la madre del manifestante e che l’ha portato via perché non si mettesse nei guai.

Il video è circolato moltissimo, tanto che il capo della polizia di Baltimora, Anthony Batts, ha citato l’episodio durante la conferenza stampa seguita agli scontri, dicendo: «Questi sono giovani abitanti di Baltimora, alcuni di loro sono venuti direttamente dalle scuole superiori dall’altro lato del quartiere di Mondawmin e si sono uniti ai disordini. E forse avete visto la scena, c’è stata una madre che ha preso suo figlio, che indossava un passamontagna, e ha cominciato a dargli sberle sulla testa perché si vergognava di lui. Vorrei che più genitori si prendessero la responsabilità dei loro figli.

La donna nel video è stata poi identificata come Toya Graham e intervistata da CBS NEWS. Nell’intervista Graham spiega di aver agito di impulso e senza pensare alle telecamere che la riprendevano per evitare che suo figlio 16enne potesse diventare “il prossimo Freddie Gray”.