• Mondo
  • lunedì 27 aprile 2015

Il video della valanga che ha distrutto il campo base sull’Everest

L'ha girato uno scalatore tedesco pochi istanti dopo il terremoto di magnitudo 7.8 in Nepal: la valanga ha ucciso 18 persone

Lo scalatore tedesco Jost Kobusch si trovava al campo base per l’ascesa al monte Everest quando si è verificato il terremoto di magnitudo 7.8 in Nepal di sabato 25 aprile, che ha causato la morte di oltre 3.300 persone. La forte scossa ha provocato diverse valanghe sull’Everest che hanno distrutto in parte il campo base uccidendo 18 persone. Kobusch aveva iniziato a girare un video pochi istanti prima del terremoto, inconsapevole di cosa stava per succedere.

Nel video si sente qualcuno che dice “la terra sta tremando” e altre persone che gli rispondono ridendo. Pochi istanti dopo, Kobusch vede numerose persone che stanno scappando dalla parte alta del campo base, cercando di non essere investite da un’enorme nuvola di neve e ghiaccio che gli sta arrivando contro, provocata da una delle valanghe successive al terremoto. Insieme ad altre persone, Kobusch si mette in un punto riparato, si copre con una giacca pesante e attende il passaggio della nube. In seguito riprende ciò che resta di parte del campo base, completamente ricoperto dalla neve.

Il fotografo di AFP Roberto Schmidt ha scattato delle fotografie sull’Everest, tra cui una che mostra una nuvola di neve e detriti provocata dal terremoto che sta per colpire un campo base. Tra i morti c’è anche il manager di Google Dan Fredinburg.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.