Skype adesso traduce anche l’Italiano

Dovete avere Windows 8.1, e quello che scrivete o dite può essere tradotto in 45 lingue diverse (non tutte insieme)

Skype Translator è un servizio che permette agli utenti di tradurre immediatamente quello che scrivono o dicono mentre usano Skype. Mercoledì 8 aprile è stato annunciato che Skype ha aggiunto l’Italiano e il Cinese (Mandarino) a Inglese e Spagnolo, che erano già disponibili. Microsoft, l’azienda che ha acquisito Skype nel 2011 per 8,5 miliardi di dollari, lavora alla traduzione simultanea da più di dieci anni.
Per quanto riguarda i messaggi scritti in chat, c’è la possibilità di tradurli istantaneamente in più di 45 lingue diverse. La traduzione simultanea mentre si parla invece è prevista solo per quattro lingue, Italiano compreso. Per il momento il servizio è disponibile solo se chi chiama usa un dispositivo con Windows 8.1 o successivi, mentre chi riceve la chiamata può usare anche altri dispositivi.

Con Skype Translator è quindi possibile parlare in Italiano e vedere tradotto immediatamente quello che si è detto in un messaggio testuale, tradotto nella lingua della persona con cui stiamo parlando. Il messaggio viene letto da una voce computerizzata appena compare nella chat. Se l’altra persona parla in Cinese, Spagnolo o Inglese, Skype compie lo stesso procedimento.

È possibile regolare il volume della voce computerizzata indipendentemente da quello usato veramente dall’interlocutore mentre parla e c’è anche la possibilità di eliminare completamente la voce e leggere solo il messaggio testuale tradotto.

Foto di David Ramos/Getty Images

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.