• Mondo
  • martedì 24 marzo 2015

Il video degli spari nel Museo del Bardo durante l’assalto a Tunisi

L'ha pubblicato Repubblica, l'ha girato una coppia italiana che stava seguendo una visita guidata lo scorso 18 marzo

Marcello e Maria Rita Salvatori si trovavano all’interno del Museo del Bardo di Tunisi, in Tunisia, insieme ad altri turisti italiani quando hanno sentito i primi spari dei due assalitori che hanno condotto il loro attacco lo scorso 18 marzo, causando la morte di 21 persone. Stavano filmando la visita guidata quando hanno sentito gli spari. Nel video si sentono gli spari, poi si vede la fuga verso un’area più sicura dell’edificio, sulle scale di servizio. Il Bardo riapre oggi a una settimana circa dall’attacco terroristico, per il quale è arrivata una rivendicazione attribuita allo Stato Islamico (ISIS), e in cui sono rimaste ferite 50 persone. I due assalitori sono stati uccisi dalle forze di sicurezza tunisine durante il loro intervento all’interno del museo, mentre da allora circa 20 persone sono state arrestate dalla polizia con accuse di vario tipo legate all’attentato.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.