• Mondo
  • domenica 22 marzo 2015

La grande marea a Mont Saint-Michel

Le foto della "marea del secolo” che sabato ha sommerso l'unica strada che collega la piccola cittadina francese alla terraferma

Sabato 21 marzo nel nord della Francia e nel sud della Gran Bretagna c’è stata quella che i giornali internazionali hanno chiamato “la marea del secolo”, nonostante il fenomeno si verifichi una volta ogni 18 anni (l’ultima volta era il 10 marzo 1997). Nella cittadina francese di Mont Saint-Michel, in Bassa Normandia, la marea ha raggiunto un coefficiente di 119, con una scala che va da 20 a 120: ci sono state due alte maree, una al mattino e una alla sera, più intensa. La differenza tra alta e bassa marea attesa era di oltre 14 metri: in molti si aspettavano effetti più intensi e visibili, che non si sono verificati anche a causa delle condizioni del tempo non ottimali. Per la prossima marea di coefficiente 119 bisognerà aspettare fino al 2033, per una con coefficiente 120, il 2073.

Nella cittadina di Mont Saint-Michel, una delle più famose e visitate della Francia, sono arrivati circa diecimila turisti e appassionati per osservare l’alta marea: Mont Saint-Michel è una pittoresca rocca medievale, collegata alla terraferma da una sottile striscia di terra. In occasione delle alte maree, la piana intorno alla rocca si allaga, e rimane in superficie solo il collegamento. Sabato è stata sommersa dall’acqua anche la strada che collega Mont Saint-Michel alla terraferma, rendendola di fatto un’isola, con risultati spettacolari e molto fotografici. A causa della marea, nel nord della Francia sono morte due persone, un pescatore di 70 anni nella Gironda e un’altra persona nella Côtes d’Armor.

Le maree sono provocate principalmente dall’attrazione gravitazionale della Luna – e in minor misura del Sole – sulle masse d’acqua: sabato per un particolare fenomeno astronomico, la Terra, la Luna e il Sole erano allineati, con la Luna tra la Terra e il Sole (perciò l’attrazione complessiva esercitata dai due astri era maggiore). Quando l’allineamento si verifica in corrispondenza dell’equinozio, gli effetti dell’attrazione sono ulteriormente amplificati.

Mostra commenti ( )