John Kerry: «Alla fine dovremo negoziare» con Assad

È la prima volta che l'amministrazione americana apre alla possibilità di tenere dei colloqui con il presidente siriano

Durante un’intervista trasmessa oggi da CBS, il segretario di Stato americano John Kerry ha detto che gli Stati Uniti dovranno necessariamente negoziare con il presidente siriano Bashar al Assad per trovare una soluzione alla guerra in Siria. Kerry ha detto che l’amministrazione americana tenterà di fare pressione sul governo siriano affinché partecipi ai colloqui internazionali sulla guerra in Siria. Quella di Kerry è una dichiarazione molto rilevante, visto che fino ad oggi le soluzioni proposte dagli Stati Uniti includevano la rinuncia del potere da parte di Assad. Kerry ha aggiunto che gli Stati Uniti stanno collaborando con altri paesi per cercare una soluzione diplomatica. Oggi, inoltre, è il quarto anniversario dell’inizio della guerra. In particolare Kerry ha detto:

«Alla fine dovremo negoziare. Siamo sempre stati disponibili a negoziare all’interno del processo di Ginevra I. Stiamo facendo pressione per spingere [Assad] a farlo, stiamo studiando dei modi per aumentare in vari modi la pressione su di lui».

Kerry si riferisce ai primi colloqui per cercare una soluzione diplomatica alla crisi siriana, avvenuti nel giugno 2012 (Ginevra I), seguiti da un secondo tentativo nel gennaio del 2014. Entrambi i tentativi finora non hanno portato ad alcun risultato rilevante. Il cambio di strategia è dovuto molto probabilmente alle recenti difficoltà degli Stati Uniti di combattere l’ISIS: da quando l’ISIS ha preso il controllo di buona parte dell’Iraq e della Siria, il gruppo è stato considerato la minaccia principale nella regione del Levante dall’amministrazione americana. Intanto i morti per la guerra in Siria, dicono alcuni organizzazioni non governative, sono più di 200mila.

foto: MANDEL NGAN/AFP/Getty Images

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.