• Moda
  • mercoledì 18 febbraio 2015

Le modelle disabili che hanno sfilato a New York

Insieme a loro c'era anche il primo modello con un arto amputato: l'evento è stato organizzato da una fondazione italiana che fa ricerca sulle paralisi

Domenica alla settimana della moda di New York hanno sfilato anche alcune modelle disabili e, per la prima volta, un modello con un arto amputato, il 25enne britannico Jack Eyers. L’evento, chiamato FTL Moda Loving You, è stato organizzato in collaborazione di Fondazione Vertical, un fondo italiano impegnato nella ricerca della cura delle paralisi. Alla sfilata, che si è tenuta al Lincoln Center, hanno partecipato modelle da tutto il mondo. Gli abiti erano ispirati alla moda italiana e disegnati da importanti stilisti internazionali, tra cui Antonio Urzi, che ha lavorato per Armani e Versace e vestito tra le altre Beyoncé, Lady Gaga, Rihanna e Britney Spears. Giovedì scorso l’attrice statunitense Jamie Brewer, famosa per American Horror Story, è stata la prima donna con la sindrome di Down a sfilare alla settimana della moda di New York, per la collezione di Carrie Hammer. L’evento è iniziato il 12 febbraio e terminerà il 19.

Jamie Brewer nel backstage della sfilata

 

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.