Il pasticcio delle partite IVA

Lo scorso ottobre il governo aveva modificato il cosiddetto "regime dei minimi", ma dopo una serie di critiche sta cambiando idea

Questa settimana si è tornato a parlare molto delle partite IVA e del cosiddetto “regime dei minimi”, un regime fiscale vantaggioso che è stato modificato dalla Legge di stabilità del 2015. Mercoledì 4 febbraio l’associazione di autonomi e freelance ha organizzato una specie di “manifestazione” su Twitter con l’hashtag “restituite la #refurtIVA” per spingere il governo a ritirare le modifiche che molti ritengono essere peggiorative sul regime dei minimi.

Le nuove norme sono state approvate soltanto lo scorso ottobre e sono entrate in vigore il primo gennaio. Diversi esponenti del governo e della maggioranza in Parlamento hanno però detto che queste modifiche vanno a loro volta cambiate e che in qualche misura andrebbe ripristinata la situazione più vantaggiosa che era in vigore fino alla fine del 2014. Questa settimana il presidente del Consiglio Matteo Renzi ha annunciato che intende modificare l’attuale normativa. Dall’inizio, le cose sono andate così.

Il regime dei minimi
Fino al primo gennaio 2015, la data in cui sono entrate in vigore le modifiche introdotte dalla Legge di stabilità, alcuni lavoratori autonomi dotati di partita IVA potevano contare su un regime fiscale molto vantaggioso che consisteva soprattutto in un’imposta sostitutiva dell’IRPEF (cioè di imposta sul reddito) pari al 5 per cento. I contribuenti potevano restare all’interno di questo regime fino ai 35 anni di età, oppure per un massimo di cinque anni. L’altra condizione importante era che il reddito lordo del contribuente non superasse i 30 mila euro annui.

Come è cambiato?
Con la finanziaria 2015 il governo ha modificato la precedente situazione, rendendola molto meno conveniente per i contribuenti. Tanto per cominciare l’aliquota dell’imposta sostitutiva è stata triplicata passando dal 5 al 15 per cento. Il governo ha anche deciso di aumentare i contributi che le partite IVA dovranno pagare alla gestione separata dell’INPS (un aumento che non riguarda quelle partite IVA che hanno accesso a una “cassa professionale”, come ad esempio giornalisti, ingegneri o avvocati). Questo contributo passa dal 27 per cento del 2014 al 30 per cento del 2015 e dovrebbe aumentare ancora fino al 33 per cento nel 2018.

Anche i requisiti per avere accesso al regime dei minimi sono stati ristretti: i professionisti possono rimanerci soltanto se guadagnano meno di 15 mila euro, la metà dei 30 mila euro previsti come soglia massima fino al 2014 (per altre categorie, come i commercianti, il minimo può arrivare fino ai 40 mila euro). Il governo ha eliminato il limite di età, quindi il nuovo regime dei minimi può essere sfruttato da chiunque, purché rispetti gli altri requisiti. Inizialmente il nuovo regime avrebbe dovuto applicarsi a tutti, ma in seguito a parecchie proteste si è deciso che chi si trova nel vecchio regime ha la possibilità di rimanere tutelato dalle vecchie regole, fiscalmente molto più convenienti. Alla fine del 2014 c’è stato un aumento notevole delle registrazioni di nuove partite IVA, proprio perché moltissime persone hanno deciso di aprire la partita IVA prima che entrassero in vigore le nuove regole.

Cosa farà il governo?
La nuove norme sulle partite IVA sono state approvate con la legge di stabilità già lo scorso ottobre. All’epoca diversi esponenti del governo e della maggioranza difesero la norma, sostenendo che eliminando i limiti all’età veniva allargata la platea di coloro che potevano beneficiare del regime vantaggioso. Con le proteste delle ultime settimane il governo sembra aver cambiato completamente idea. In un’intervista di questa settimana, il presidente del Consiglio Matteo Renzi ha detto: «Nei decreti delegati sul fisco c’è anche lo spazio per modificare in meglio le norme sulle partite IVA e spero riusciremo a presentare tutta la riforma fiscale il 20 febbraio». Il sottosegretario all’Economia Enrico Zanetti, Scelta Civica, ha presentato un emendamento che permetterebbe di continuare a scegliere il vecchio e più conveniente regime dei minimi ancora per tutto il 2015.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.