• Politica
  • Questo articolo ha più di sette anni

5 numeri sull’elezione di Sergio Mattarella

Non è il presidente più vecchio, e nemmeno quello più votato: la sua elezione è stata però quella più seguita di sempre dai media in Parlamento

Sabato 31 gennaio Sergio Mattarella è stato eletto presidente della Repubblica italiana: della sua elezione si sta discutendo molto, soprattutto per come è arrivata e per i numeri che Mattarella ha ottenuto nel quarto scrutinio. Mattarella è il dodicesimo presidente della Repubblica italiana: non è il più vecchio a essere stato eletto per questo incarico, e non è stato il più votato. È stato invece il più seguito dai media, stando al numero dei giornalisti accreditati alla Camera dei deputati per seguire la sua elezione.

665
Sono i voti con cui Sergio Mattarella è stato eletto alla presidenza della Repubblica. In tutto, Mattarella ha ottenuto il voto favorevole del 66,8% dei votanti. Nella storia italiana il presidente che ha ottenuto il consenso più ampio è stato Sandro Pertini, che nel 1978 ottenne l’83,6 per cento. Giovanni Leone fu il presidente meno votato – nel 1971 – con il 52 per cento. La percentuale media dei voti necessari a eleggere un presidente della Repubblica nel corso delle tredici elezioni avvenute fino ad ora è stata il 61 per cento.

4
Sono gli scrutini che sono stati necessari per eleggere Mattarella alla presidenza, lo stesso numero che fu necessario a Luigi Einaudi, Giovanni Gronchi e per il primo mandato di Giorgio Napolitano. Il numero massimo di scrutini è stato quello necessario a eleggere Giovanni Leone, 23, seguito dall’elezione di Giuseppe Saragat (21 scrutini). Francesco Cossiga e Carlo Azeglio Ciampi furono eletti con un solo scrutinio. Nella storia repubblicana sono stati necessari in media 10 scrutini per eleggere un presidente della Repubblica.

73
È l’età di Mattarella al momento della sua elezione. Il più anziano a essere eletto presidente della Repubblica è stato Giorgio Napolitano, che nel 2013 aveva 87 anni. Il più giovane è stato Francesco Cossiga, che fu eletto all’età di 57 anni. In media i presidenti della Repubblica sono stati eletti a poco più di 72 anni.

2
È il numero di presidenti della Repubblica eletti da questo parlamento (la XVII legislatura): è la prima volta che accade nella storia. Questa situazione è stata resa possibile dalla breve durata del secondo mandato di Giorgio Napolitano: meno di due anni rispetto ai sette previsti. In passato è accaduto soltanto un’altra volta che un presidente della Repubblica concludesse il suo mandato con così tanto anticipo rispetto alla scadenza naturale. Antonio Segni si dimise per motivi di salute nel 1964, a due anni dalla sua elezione. Nel frattempo però c’erano state nuove elezioni e il parlamento che elesse il suo successore, Giuseppe Saragat, era cambiato.

657
Sono i giornalisti, operatori video e altro personale che lavora per i media che si sono accreditati per l’elezione del presidente della Repubblica. Secondo la presidenza della Camera dei deputati, dove si è svolta l’elezione, si tratta del numero più alto di sempre.