• Sport
  • martedì 27 Gennaio 2015

Per cosa è famoso Marshawn Lynch

Per essere un giocatore di football americano dei Seattle Seahawks, e per il gesto poco elegante per cui è stato multato dopo l'ultima partita

Marshawn Lynch, giocatore di football americano dei Seattle Seahawks, è stato multato per 20 mila dollari (circa 17 mila euro) dalla National Football League (NFL) – il principale campionato di football americano – per aver fatto “un gesto osceno” durante la partita di domenica 18 gennaio contro i Green Bay Packers, a Seattle, nello stato di Washington. Lynch si è toccato i genitali dopo aver segnato un touchdown nel quarto tempo della partita, lo stesso gesto per cui era già stato multato di 11 mila dollari dopo la vittoria contro gli Arizona Cardinals, sempre a Seattle, lo scorso 21 dicembre.

Giovedì anche Chris Matthews, ricevitore dei Seattle, è stato multato 11.050 dollari (9.700 euro) per aver festeggiato il touchdown di Lynch con il suo stesso gesto. Le regole della NFL vietano ai giocatori di compiere gesti offensivi o osceni; Lynch e Matthews non sono stati puniti subito dagli ufficiali di gara perché non si erano accorti dei loro gesti in campo. Lynch ha commentato la multa a Matthews scrivendo su Twitter: «mi sento a disagio nel lavorare per un’organizzazione che ha multato un mio compagno di squadra per avermi stretto la mano».

 

Il primo febbraio i Seattle Seahawks affronteranno i New England Patriots nel Super Bowl, la finale del campionato di football americano, uno degli eventi sportivi più seguiti dell’anno, che si terrà a Glendale in Arizona. La NFL ha avvisato Lynch che se ripeterà il gesto durante la partita, la sua squadra verrà penalizzata di 15 yarde. L’allenatore dei Seattle Pete Carroll ha detto che ne parlerà con Lynch, a cui ha mostrato comunque pieno sostegno spiegando che «lo amiamo. Celebriamo sempre l’unicità dei nostri giocatori in un modo che permette di giocare al loro meglio». Lynch è stato anche segnalato dalla NFL per essersi rifiutato di parlare alla stampa per tutta la settimana, contravvenendo alle regole stabilite a proposito dalla Lega: nel corso dell’anno è già stato multato di circa 100 mila dollari (88 mila euro) per aver evitato i giornalisti. Carroll ha commentato: «è una persona che ci tiene molto alla privacy. La storia con la stampa deriva da questo. Non vi spiegherà molto. Ho già detto che anche questo silenzio è significativo».