Quelli che ce l’hanno col buonismo

Sono i nuovi fascisti, spiegava un articolo molto attuale pubblicato esattamente sette anni fa

La critica al “buonismo”, diventata da anni una frequente e pigra battaglia di molti che cercano un alibi per il proprio “cattivismo” o uno strumento per criticare chi fa e sostiene cose buone, fu descritta in questa sua forma con grande esattezza in un articolo uscito su Repubblica esattamente sette anni fa. Lo scrisse Giovanni Maria Bellu, ed è sempre molto valido.

“Buonismo”. Secondo lo Zingarelli indica un “atteggiamento bonario e tollerante che ripudia i toni aspri del linguaggio politico”. Ma, sarà per il rapido successo che ha avuto – è nel vocabolario solo dal 1995 – “buonismo” ha progressivamente assunto un significato diverso, sempre meno “buonista”. Nel linguaggio del centrodestra è diventato sinonimo di pappamolle.
L’accusa di “buonismo”, infatti, è temuta. Lo dimostra l’uso preventivo che di questo termine viene fatto nel centrosinistra. Interessante, in proposito, una dichiarazione (Agenzia “Dire”, 3 gennaio) dall’assessore alle Pari opportunità di Reggio Emilia che, nell’annunciare il passaggio dal forfait al contatore nel computo della spesa elettrica dei campi nomadi, ha tenuto a chiarire di aver agito “in base a una logica di inclusione” e non “in base a una logica buonista”.
Il “buonismo” senza specificazioni è una rarità. Le primarie del partito democratico hanno spinto in vetta alle classifiche il “buonismo veltroniano” (che, non è difficile prevederlo, nella prossima campagna elettorale sarà uno dei tormentoni del centrodestra in tema di sicurezza pubblica). Ma il luogo privilegiato delle accuse di “buonismo” è il tema dei diritti degli immigrati.

(continua a leggere su Repubblica.it)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.