Un po’ di aggeggi dal CES 2015

Le prime foto dalla gigantesca fiera tecnologica di Las Vegas, tra biberon intelligenti, stampanti 3D per alimenti, poltrone per fare ginnastica e cinture che consigliano di mettersi a dieta

Martedì 6 gennaio a Las Vegas, negli Stati Uniti, inizierà l’edizione del 2015 del Consumer Electronics Show (CES), una delle più grandi fiere al mondo di prodotti tecnologici. Il CES esiste sotto varie forme dal 1967 e da allora è sempre stato sfruttato da aziende grandi e piccole per mostrare le loro ultime novità e le cose avveniristiche che stanno progettando. Gli spazi espositivi sono enormi e permettono la costruzione di migliaia di stand, dove si accalcano giornalisti e investitori per vedere le dimostrazioni dei prodotti, fotografarli e girare video. Oltre alle esposizioni sono organizzati cicli di conferenze e incontri per approfondire diversi temi legati alla tecnologia. L’apertura era di solito riservata a Microsoft, che però negli ultimi anni ha preferito smarcarsi dal CES, preferendo organizzare eventi separati durante l’anno quando ha qualche novità da presentare.

Anche se ufficialmente il CES inizia domani, da domenica molti spazi espositivi sono già aperti per alcune anteprime. Il CEO di Samsung Electronics ha organizzato per oggi un evento speciale nel quale presenterà le ultime novità dell’azienda sudcoreana, tra i più grandi produttori al mondo di smartphone. Negli ultimi mesi la società ha però avuto diversi problemi, vendendo meno cellulari del previsto a causa della concorrenza di Apple con i suoi nuovi iPhone e di altre aziende asiatiche, come Xiaomi, che vendono cellulari di qualità, ma a prezzi inferiori. Samsung potrebbe riorganizzare parte delle proprie iniziative commerciali per rilanciare le vendite dei suoi telefoni già nei prossimi mesi.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.