• Mondo
  • domenica 4 Gennaio 2015

I grandi incendi nel sud dell’Australia

Almeno 12 case state distrutte vicino alla città di Adelaide e potrebbero esserci due dispersi: è uno degli incendi più gravi degli ultimi anni

Da giorni dei grandi incendi stanno colpendo il sud dell’Australia, a circa trenta chilometri di distanza dalla città di Adelaide. Jay Watherill, primo ministro del South Australia, lo stato fino ad ora più colpito, ha detto che almeno 12 case sono state distrutte mentre si teme per altre venti, concentrate per la maggior parte nelle comunità rurali. Si tratta del più grave incendio nel South Australia dal 1983, quando un altro incendio uccise 75 persone. Secondo il Guardian, la polizia sta facendo delle verifiche su due anziani, che al momento risultano dispersi.

Secondo Watherill l’emergenza non è ancora terminata e gli incendi non sono ancora sotto controllo. Sulla direzione delle fiamme si trovano ancora diverse case e persone non ancora evacuate. Nelle prossime ore la temperatura dovrebbe scebdere e sono previste piogge che potrebbero rallentare la diffusione dell’incendio, anche se il vento dovrebbe rimanere intorno ai 40 chilometri orari. Ventidue persone, in gran parte vigili del fuoco, hanno riportato ferite minori mentre 110 chilometri quadrati di territorio sono stati bruciati dalle fiamme.

Il fenomeno dei grandi incendi colpisce l’Australia quasi ogni anno, ma secondo gli ambientalisti il riscaldamento globale sta aumentando la frequenza di questi eventi. Uno dei più gravi incendi nella storia del paese si verificò nel 2009 e causò la morte di 173 persone e la distruzione di circa duemila edifici nello stato di Victoria, a sud-est del South Australia.