• Scienza
  • spazio
  • Questo articolo ha più di sette anni

Rinviato il primo volo di Orion nello Spazio

A causa di problemi tecnici, la NASA ha spostato a venerdì la partenza da Cape Canaveral della sua nuova capsula spaziale

La NASA ha deciso di rinviare a venerdì 5 dicembre il primo lancio nello Spazio di Orion, il suo nuovo sistema di trasporto che un giorno potrà essere utilizzato per fare raggiungere agli astronauti un asteroide e il pianeta Marte. La partenza di Orion, montato su un lanciatore United Launch Alliance Delta IV Heavy, sarebbe dovuta avvenire alle 13:05, ma a causa della presenza di un’imbarcazione nei pressi della rampa di lancio il countdown è stato sospeso per alcuni minuti. Dopo averlo riavviato, i tecnici della NASA sono stati costretti a sospendere nuovamente il conto alla rovescia a causa di alcune forti raffiche di vento, che avrebbero complicato la partenza del razzo. Infine, quando le condizioni atmosferiche sembravano essere migliorate, un’anomalia ad alcune valvole del razzo per lanciare Orion nello Spazio hanno reso necessarie alcune operazioni straordinarie di manutenzione.

La finestra di lancio, cioè il periodo di tempo entro il quale era possibile lanciare Orion giovedì, era di 2 ore e 39 minuti. I tecnici non hanno fatto in tempo a risolvere i problemi tecnici entro la scadenza della finestra, e questo ha determinato il rinvio a venerdì.

Il volo spaziale servirà per testare le strumentazioni di Orion, verificare la loro affidabilità e la solidità del suo scudo termico per il rientro controllato sulla Terra, attraverso un rovente passaggio nell’atmosfera a oltre 2.200 °C. Il lanciatore utilizzato per farlo non è quello che sarà utilizzato sulla versione definitiva di Orion, perché è ancora in fase di costruzione come molti altri componenti del sistema di trasporto.