• Mondo
  • mercoledì 3 Dicembre 2014

I volantini di Amsterdam sulle droghe

Spiegano come chiamare soccorsi in caso di emergenza – circola eroina mascherata da cocaina – e promettono che "non verrete arrestati per avere consumato droga"

di Christopher Ingraham – Washington Post

Le autorità olandesi stanno avvisando i turisti di Amsterdam riguardo l’eroina “mascherata” da cocaina, che ha già ucciso diverse persone e ne ha mandate numerose altre all’ospedale. La campagna è notevole: “Non sarete arrestati per possedere droga ad Amsterdam”, promettono i volantini. Invece danno informazioni su come ricevere assistenza medica e come far restare vigili potenziali vittime di overdose mentre aspettano aiuto. La legge olandese distingue chiaramente fra droghe “leggere” come la marijuana e “pesanti” come la cocaina e l’eroina. Il possesso di marijuana fino ai 5 grammi e di cocaina o eroina fino a un grammo non è oggetto di multe. Al contrario di molti altri posti, nei Paesi Bassi l’approccio favorisce la riduzione del danno fisico e la salute pubblica.

Uno degli svantaggi di un approccio più severo è che la minaccia di sentenze dure spinge i consumatori di droga a non cercare assistenza medica nell’eventualità di un’overdose. Nei Paesi Bassi questo non è un problema. L’approccio, qui, permette alle autorità di avere un dialogo molto franco col consumatore di droga in occasione di un pericolo, come la circolazione della “falsa” cocaina. Il miglioramento dell’immagine della droga ha giocato una grossa parte nella questione. I consumatori di droga non sono più visti come dei criminali, come avviene altrove, ma persone normali dalle abitudini poco salutari. C’è una notevole assenza di giudizio morale nel linguaggio usato ad Amsterdam per avvertire della presenza della falsa cocaina, al contrario di quanto avviene in altri paesi.

 

Alcuni dati finali, per riflettere: il 44 per cento degli americani ha detto di aver fatto uso di marijuana almeno una volta nel corso della propria vita, mentre il 14 per cento ha detto di avere fatto lo stesso con la cocaina. Nei Paesi Bassi, lo stesso dato è rispettivamente al 26 e al 5 per cento.

©Washington Post 2014