• blog
  • lunedì 17 Novembre 2014

Uno stage al Post, 2015

Istruzioni e richieste minime, per gli interessati

Aggiornamento del 26 novembre: la ricerca è chiusa, in dieci giorni abbiamo ricevuto 822 offerte, alle quali risponderemo entro le prossime settimane, terminate le valutazioni del caso. Ma un primo grazie generale a tutti.

*****

Prima di tutto chiarezza e informazioni pratiche, anche quest’anno: il Post ha libero uno stage di tre mesi estendibile a sei, con inizio nel primo trimestre del 2015. Lo stage prevede un moderato rimborso spese. E implica stare a Milano. Per dare un’idea sulle prospettive, sono incerte: in questi quattro anni e mezzo dieci persone hanno fatto uno stage simile; cinque di loro oggi lavorano col Post a tempo pieno, una part-time, tre no (ma due fanno altre cose legate a quell’esperienza), una sta finendo lo stage. Tutti hanno imparato molte cose e sono soddisfatti di averlo fatto: è stato un investimento proficuo.

Chi è interessato, mandi una mail cercando di spiegare per quali ragioni lo stage sarà un investimento proficuo per il Post: saranno ben accolti un’ottima conoscenza dell’inglese (fino a saperlo scrivere) e un’inclinazione a lavorare su dinamiche e sviluppi di internet e dei social network, prioritari rispetto ad aspirazioni giornalistiche più tradizionali e di scrittura. Al Post interessa avere persone preparate sulle cose che facciamo attraverso lo stage, da coinvolgere in caso di nuovi progetti futuri.

Altri suggerimenti per intendersi meglio sono qui e qui e qui. E persino qui, per soprammercato. Infine: cerchiamo di rispondere a tutti, ma non riusciremo a rispondere a tutti personalmente, però vi ringraziamo comunque, che lo sappiamo che è importante per tutti. Grazie.

TAG: