• Media
  • giovedì 6 novembre 2014

Moncler, Report e le email pubblicate da Libero

La discussa inchiesta sulla piuma d'oca ha avuto una coda di discussioni e accuse su Libero, che oggi pubblica il testo di due email della giornalista autrice del servizio

Dopo l’inchiesta di Report sull’utilizzo della piuma d’oca da parte di alcune industrie dell’abbigliamento di lusso, come Moncler, e la replica in cui la stessa Moncler ha negato di avere mai utilizzato piume ottenute spesso in modi brutali da animali vivi, oggi il quotidiano Libero è tornato sull’argomento pubblicando parte della corrispondenza avuta dal suo giornalista Nicolò Petrali con Sabrina Giannini, l’autrice dell’inchiesta andata in onda su RaiTre. Lo scambio di email è avvenuto durante la scrittura e in seguito alla pubblicazione di un articolo di Petrali su Libero di mercoledì 5 novembre, nel quale si davano diverse informazioni sulla vicenda e sull’annuncio da parte di Moncler di volere avviare iniziative legali contro Report.

Dopo aver dato conto delle reazioni dello stilista Stefano Gabbana, che aveva pubblicato alcuni tweet molto critici nei confronti di Report e a sostegno di Moncler, Petrali ha riportato alcune dichiarazioni della conduttrice del programma, Milena Gabanelli, che aveva spiegato di non temere iniziative legali e ricordato che sulle etichette dei piumini Moncler non viene indicata “alcuna filiera tracciata contro la spiumatura a vivo”. Gabanelli aveva inoltre ripetuto quanto sostenuto in trasmissione sul tema dei ricarichi applicati da Moncler ai suoi capi di abbigliamento: “si evince dai fatturati e dai costi della materia prima e di confezione che Moncler potrebbe produrre comunque in Italia, invece ha preferito chiudere i laboratori nel sud Italia”.

Nel suo articolo Petrali ha riportato anche la risposta di Moncler alle accuse di Report, nella quale si spiega che la società fa unicamente ricorso a “fornitori altamente qualificati che aderiscono ai principi dell’ente europeo EDFA (European Down and Feather Association)” e che i ricarichi applicati ai prodotti sono quelli tipici del settore del lusso. L’articolo di Libero si concludeva con una critica nei confronti di Report: “Le leggi del mercato, storicamente, non sono prerogativa di quell’area politica a cui fa di fatto riferimento anche Report”.

In seguito alla pubblicazione dell’articolo, scrive oggi Libero, la giornalista di Report Sabrina Giannini ha inviato alcune email a Petrali per rispondere alle critiche contenute nel suo articolo. La corrispondenza è stata pubblicata integralmente da Libero, affinché “il lettore si faccia la sua opinione”.

Nelle prima mail, citata nell’articolo del 5 novembre, Giannini spiega che Moncler era stata contattata durante la realizzazione dell’inchiesta in modo da riferire anche la sua versione, ma che questa ha declinato l’invito limitandosi a dare una breve risposta scritta senza dare informazioni sulla quantità e l’origine dei suoi fornitori di piume. Giannini ha spiegato che Moncler non ha nemmeno risposto alle domande sul fatto se fosse dotata o meno di particolari certificazioni legate al trattamento degli animali e di non avere dato informazioni di una “filiera tracciata appositamente contro la spiumatura dal vivo”. Secondo la giornalista, Moncler avrebbe quindi dato solo risposte “sommarie” e “oggi dice di essere stata inascoltata”.

La seconda email contiene diverse critiche di Giannini nei confronti di Petrali, accusato di non averle segnalato che parte della sua precedente email sarebbe stata riportata nell’articolo del 5 novembre con un virgolettato. La giornalista invita poi a distinguere tra i giornalisti “sul trespolo”, cioè che fanno più che altro lavoro di redazione, e quelli come lei che lavorano “sul campo”. Giannini conclude spiegando che “l’ideologia non conta” e ricordando a Petrali “cosa ho fatto a Di Pietro e sai come la penso”. (Report fece una puntata piuttosto dura su Antonio Di Pietro e alcune presunte malversazioni legate al suo partito, l’Italia dei Valori.)

Le email di Giannini sono piuttosto dure e contengono frasi poco generose nei confronti dei suoi colleghi a Libero. Petrali viene per esempio accusato di non avere “la schiena dritta”, mentre il direttore del giornale viene citato “a proposito di oche”. Giannini conclude la seconda email chiedendosi perché perdere tempo “a farti lezioni gratis di giornalismo”.

La scelta di pubblicare la corrispondenza da parte di Libero è stata criticata, perché non sembra fosse molto chiaro a Giannini che ciò che aveva scritto sarebbe stato pubblicato sul giornale. Petrali ha risposto alle critiche con un post pubblico sul suo profilo Facebook ricordando che con Giannini si è “qualificato come giornalista: è come se l’avessi intervistata in pratica. […] Io ricevo una mail in cui si tira in ballo il giornale e la rendo nota a chi di dovere. Dopo di che il mio compito finisce lì”.

Sempre il 5 novembre, Libero aveva pubblicato in prima pagina un articolo di Filippo Facci con alcune critiche positive a Report, tra le poche trasmissioni ad avere iniziato a dedicare inchieste alle grandi multinazionali ricordando che “scrivere contro Renzi o Berlusconi è facilissimo, il problema è farlo contro un’industria di moda, di automobili, di acqua minerale, un gruppo farmaceutico o telefonico, colossi che governano le nostre vite mentre noi giornalisti ci accapigliamo intorno al patto del Nazareno”.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.