• Mondo
  • lunedì 27 ottobre 2014

Il video di Darth Vader respinto ai seggi ucraini

Nessuno di coloro che si erano candidati cambiando il proprio nome con quello di personaggi di Guerre Stellari ha potuto votare alle elezioni di domenica

Domenica 26 ottobre ai seggi per le elezioni parlamentari ucraine di Kiev si è presentato un uomo vestito da “Darth Vader”, il famoso personaggio della saga di Star Wars. L’uomo, che i media ucraini indicano come un elettricista di nome Viktor Shevchenko, è uno dei candidati di un piccolo partito per l’UIP (il Partito di Internet d’Ucraina), che ha creato circa 40 gruppi per la difesa di internet gratuito. L’uomo, sempre mascherato da Darth Vader, si era presentato in maggio anche come candidato per diventare presidente, ma la Commissione elettorale centrale l’aveva escluso, definendo la sua richiesta “discutibile”.

Questa volta Darth Vader e altri cinque candidati (che si sono fatti cambiare legalmente il nome di battesimo in Chewbecca, Palpatine, Yoda e altri personaggi dei film) sono riusciti a ottenere di inserire i loro nomi nelle registrazioni per le elezioni di domenica, ma nessuno di loro è poi riuscito a votare. Il video di Darth Vader, che è arrivato ai seggi elettorali su una Darth Mobile nera, mostra il suo tentativo fallito: al seggio si è rifiutato di togliere la maschera per dimostrare la sua identità “terrena” all’impiegata al tavolo delle registrazioni e gli è stato così impossibile votare, nonostante le sue proteste. «Temevo potesse succedere», ha dichiarato poi a un gruppo di giornalisti e curiosi, «ma sono comunque deluso. I miei diritti sono stati violati ancora». Dopo le dichiarazioni si è allontanato con in sottofondo la musica della Marcia imperiale di Star Wars.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.