• Sport
  • giovedì 9 ottobre 2014

L’Italia ha battuto gli Stati Uniti nelle Final Six

Ha vinto per 3-0 nella prima partita della fase finale dei Mondiali di pallavolo femminile: le foto

La nazionale italiana femminile di pallavolo ha battuto gli Stati Uniti per 3-0 (25-23 25-22 25-20) nella prima partita delle Final Six, l’ultima fase dei Mondiali a cui partecipano appunto sei squadre. La partita si è tenuta davanti a 10 mila persone al Forum di Assago. L’Italia – che è una delle nazionali più forti, e nelle ultime cinque edizioni si è sempre classificata almeno tra le prime cinque – giocherà venerdì contro la Russia, che ha vinto le ultime due edizioni dei Mondiali. Le altre squadre ancora in gioco sono Brasile, prima squadra nel ranking mondiale e campione alle ultime Olimpiadi, Cina e Repubblica Dominicana. Le partite sono iniziate mercoledì 8 ottobre e la finale si giocherà domenica 12.

La squadra italiana ha vinto il Mondiale una sola volta, nel 2002. Finora è stata molto apprezzata dai commentatori sportivi per il buon gioco mostrato durante questa edizione del torneo: da poco è allenata dal 51enne Marco Bonitta, che aveva già allenato la nazionale femminile per cinque anni dal 2001 al 2006, e che in passato ha avuto diverse esperienze con squadre di A1 sia femminili che maschili. Bonitta non ha avuto molto tempo a disposizione per allenare la squadra prima dell’inizio del Mondiale, e – anche a causa di alcuni infortuni, come quello occorso alla schiacciatrice Lucia Bosetti – ha scelto di convocare diverse giocatrici molto giovani e alla prima esperienza in nazionale: 7 giocatrici su 14 non avevano mai partecipato ai Mondiali (Noemi Signorile, Monica De Gennaro, Raphaela Folie, Francesca Ferretti, Cristina Chirichella, Lucia Bosetti e Valentina Diouf).

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.