• Sport
  • lunedì 8 settembre 2014

Gli stipendi della Serie A

I calciatori e gli allenatori più pagati, squadra per squadra, secondo un'indagine della Gazzetta dello Sport

Sulla Gazzetta dello Sport di oggi c’è un’approfondita indagine sugli stipendi dei calciatori e degli allenatori delle squadre di Serie A, il più importante torneo calcistico italiano, previsti per la stagione 2014-2015. Nella prima parte dell’indagine vengono calcolati i soldi guadagnati per contratto da ciascun giocatore, squadra per squadra, e la somma di quegli stipendi (il cosiddetto “monte ingaggi”). L’indagine, spiega la Gazzetta, non tiene conto di eventuali premi aggiuntivi – i “bonus” – guadagnati dai calciatori a seconda dei risultati della squadra o di particolari obiettivi individuali raggiunti durante la stagione, e chiaramente non calcola neppure i soldi che i giocatori riescono a guadagnare tramite contratti esterni con gli sponsor (fa l’esempio dell’attaccante tedesco della Fiorentina Mario Gomez, che ha un contratto da 4,2 milioni di euro a stagione ma guadagna altri 1,2 milioni grazie agli sponsor). Il monte stipendi complessivo della Serie A è di 849 milioni di euro, 63 in meno rispetto alla passata stagione e circa 251 in meno rispetto alla stagione 2011-2012.

Il monte ingaggi di ciascuna squadra di Serie A, in ordine crescente, dentro le foto;
e le foto mostrano il giocatore con lo stipendio più alto per ciascuna squadra.

Quanto guadagnano gli allenatori delle squadre di Serie A, in ordine:

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.