• Mondo
  • venerdì 27 giugno 2014

La festa dei tifosi dell’Algeria a Marsiglia

Le foto allegre dei canti e dei balli dopo la storica qualificazione agli ottavi di finale dei Mondiali (prima che iniziassero gli scontri con la polizia)

L’Algeria si è qualificata per la prima volta nella sua storia agli ottavi di finale del Mondiali di calcio e giocherà il prossimo 30 giugno contro la Germania. Nel pomeriggio di giovedì 26 giugno, prima della partita decisiva, molti edifici a nord di Marsiglia – dove su 850 mila abitanti, 200 mila sono islamici e tra loro molti sono algerini – erano già stati addobbati con le bandiere bianche e verdi del paese. La partita è stata seguita in tutti i bar del centro e su alcuni maxischermi che erano stati predisposti in città. Dopo il risultato, al porto vecchio di Marsiglia migliaia di tifosi hanno festeggiato con canti, balli e fumogeni. A loro si sono aggiunti marocchini e tunisini: «Sono i nostri vicini, è l’Africa», hanno spiegato a Le Monde.

L’atmosfera era gioiosa e tranquilla ma all’improvviso sono iniziati dei disordini tra una decina di giovani tifosi e la polizia. L’uso di gas lacrimogeni ha immediatamente disperso le persone che si erano riunite per festeggiare e sono stati bruciati dei cassonetti. Dopo un’ora, intorno alle due del mattino, era tornata la calma. Durante gli scontri sono state arrestate quattro persone ma non ci sono stati feriti. Un uomo intervistato da Le Monde ha commentato: «Se si fosse trattato della Francia, non sarebbe successo niente. Dato che ci sono di mezzo gli arabi, allora è guerra».

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.