• Mondo
  • martedì 24 Giugno 2014

Le foto di Melbourne allagata

Nello stato di Victoria, in Australia, è in corso una tempesta che ha portato pioggia, neve e forti venti: durerà probabilmente tutta la settimana

Martedì 24 giugno il fiume Yarra, la foce del quale scorre all’interno della città di Melbourne, in Australia, è esondato causando diversi disagi alla città. Secondo il servizio meteorologico australiano a causare l’esondazione sono state le violente folate di vento che hanno sospinto l’acqua della baia di Port Phillip, dentro la quale si trova Melbourne, a “tornare indietro” verso il letto del fiume e quindi esondare in città. Secondo un meteorologo contattato dal Guardian, «non capita molto spesso che venti provenienti da ovest spingano indietro l’acqua dello Yarra: devono succedere molte cose perché questo accada». Circa 80mila abitazioni della città hanno subito alcuni blackout.

In generale, forti venti e piogge e nevicate (in Australia è inverno) hanno interessato tutto lo stato di Victoria, quello dove si trova Melbourne, situato nel sud dell’Australia. Le autorità hanno suggerito di rimanere in casa e di guidare solo se necessario. Diverse linee ferroviarie hanno subìto dei rallentamenti, e ai macchinisti è stato detto di viaggiare a velocità ridotta. Una donna è rimasta gravemente ferita a causa del crollo di un muro a Yarraville, alla periferia di Melbourne, mentre un’altra donna è stata ferita dal vetro del proprio parabrezza dopo che un albero è caduto sulla sua auto.

Secondo un meteorologo contattato dallo Herald Sun, «si prevede una settimana ventosa, per cui non possiamo ancora dire che sia finita».