• Politica
  • Questo articolo ha più di otto anni

Il discorso di Renzi all’assemblea del PD

Dura un'ora: dentro ci sono l'analisi dei risultati elettorali e il punto sulla riforma del Senato, tra le altre cose

Sabato 14 giugno a Roma si è riunita l’assemblea nazionale del Partito Democratico, l’organo composto dai delegati eletti con le primarie. I lavori sono stati aperti da una lunga relazione di Matteo Renzi, segretario del partito e presidente del Consiglio, che ha commentato il risultato delle scorse elezioni europee e amministrative – dietro di lui campeggiava un’enorme scritta “40,8 per cento – Adesso tocca a noi” – ma anche l’attualità politica, a cominciare dalle polemiche per la rimozione di Corradino Mineo e Vannino Chiti dalla commissione Affari costituzionali del Senato.

L’assemblea nazionale del PD ha eletto come suo presidente Matteo Orfini e ha confermato le nomine di Debora Serracchiani e Lorenzo Guerini a vicesegretari.