• Mondo
  • lunedì 9 giugno 2014

Una ringhiera del Pont Des Arts di Parigi è crollata per i troppi lucchetti

Domenica uno dei ponti più famosi della città è stato evacuato, e si è ricominciato a discutere della storia dei lucchetti degli innamorati

Domenica 8 giugno il Pont Des Arts di Parigi è stato evacuato e chiuso al pubblico a causa del crollo di una sezione di circa due metri e mezzo della ringhiera. Il crollo è stato causato dal peso eccessivo esercitato dalle centinaia di lucchetti che erano attaccati alla ringhiera del ponte.

Il Pont Des Arts è un ponte pedonale che attraversa la Senna nel centro di Parigi all’altezza del museo Louvre: se ci se ci siete stati negli ultimi anni ve ne ricorderete perché le sue ringhiere sono completamente ricoperte di lucchetti, tanto che in alcuni punti la ringhiera nemmeno si vede più.

I lucchetti vengono attaccati sul ponte da coppie di innamorati che vogliono in qualche modo sancire e celebrare il loro amore. Negli anni la cosa è diventata un’usanza diffusissima: le coppie si recano sul ponte, chiudono un lucchetto su cui hanno scritto i loro nomi sulla ringhiera e poi gettano la chiave nell’acqua del fiume. In Italia furono i romanzi di Federico Moccia (quello di Tre metri sopra il cielo) a dare improvvisa notorietà e diffusione all’usanza dei lucchetti degli innamorati sui ponti, nei primi anni 2000, mentre in Francia, come scrive il Guardian, è dal 2008 che i lucchetti si accumulano sulle ringhiere del Pont des Arts.

A Parigi da diversi anni si discute dei lucchetti sul Pont Des Arts, che in molti considerano lo scempio di un monumento storico: il Pont Des Arts è stato costruito tra il 1802 e il 1804, ha una struttura completamente d’acciaio ed è un monumento nazionale.

Dopo che negli ultimi anni l’usanza di attaccare i lucchetti si è allargata anche ad altri monumenti della città, compresa la Tour Eiffel, qualche settimana fa alcuni cittadini avevano scritto una lettera aperta al nuovo sindaco della città, Anne Hidalgo, parlando di “una piaga che affligge i ponti storici e gli altri monumenti” e chiedendo l’introduzione di un divieto di attaccare i lucchetti e la rimozione di quelli esistenti. Allo stesso scopo è stata creata una campagna, con una pagina su Facebook e Twitter.

Sul sito del comune di Parigi si legge che “è bellissimo vedere che ci sono così tante coppie innamorate, ma l’usanza crea diversi problemi legati al peso esercitato dalle migliaia di lucchetti d’acciaio”. Un lucchetto di circa 25 millimetri di larghezza pesa circa 60 grammi.

Anche in Italia si è spesso parlato della necessità di rimuovere i lucchetti dalle ringhiere dei ponti, benché qualcuno sostenga che ci debba essere tolleranza. Nel 2011 a Roma un lampione di Ponte Milvio era crollato a causa dei troppi lucchetti; nei mesi successivi tutti i lucchetti erano stati rimossi per una decisione della giunta di Gianni Alemanno, anche se il sindaco precedente, Walter Veltroni, si era detto favorevole all’usanza dei lucchetti.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.