• Mondo
  • mercoledì 14 maggio 2014

Cosa pensano gli europei di musulmani, ebrei e rom

Una ricerca sulle minoranze riportata dal Washington Post con preoccupazione, e gli italiani non ne escono per niente bene

di Adam Taylor - Washington Post

Alla vigilia delle imminenti elezioni per il parlamento dell’Unione Europea, il Pew Research Center ha diffuso una ricerca che riguarda Francia, Germania, Grecia, Italia, Polonia, Spagna e Regno Unito. Nel documento ci sono molti dati interessanti, ma una sezione notevole è quella che mostra le diverse opinioni sulle minoranze. E mentre gli atteggiamenti nei confronti di musulmani ed ebrei sono piuttosto vari, le opinioni prevalentemente negative sui rom sono impressionanti. Eccone una sintesi:

Tre paesi sondati – Italia, Grecia e Polonia – mostrano opinioni soprattutto negative nei confronti dei musulmani.

pew5

Bisogna notare che questi tre paesi ospitano meno musulmani di Spagna, Germania, Francia e Regno Unito. La Francia, quella con la popolazione musulmana più numerosa, è quella dove ci sono più opinioni favorevoli nei suoi confronti, mentre il Regno Unito è dove ci sono meno opinioni sfavorevoli.

Le attitudini nei confronti degli ebrei sono più favorevoli, ma i greci sono divisi.

pew4

Anche qui, i paesi con una popolazione ebrea maggiore, come la Francia e il Regno Unito, tendono a vedere gli ebrei con maggior favore; e la Germania, che ha ovviamente una storia unica su questo fronte, ha il minor numero di opinioni contrarie. La Grecia, dove solo lo 0,04% della popolazione è ebreo – stando alla Jewish Virtual Library – è la più divisa sugli ebrei. Ed è il caso di ricordare le accuse di neonazismo nei confronti del popolare partito di estrema destra Alba Dorata.

Le opinioni più negative in Europa non sono rivolte verso i musulmani o gli ebrei, ma piuttosto verso i rom.

pew3

Questo grafico è davvero notevole e mostra che la Spagna è il solo paese in cui la maggioranza delle persone ha opinioni favorevoli sui rom. In Italia sono appena il 10 per cento, mentre l’85 ne ha un’opinione negativa.

Purtroppo, non è del tutto sorprendente. I rom, chiamati spesso spregiativamente “zingari”, sono stati discriminati per secoli in Europa, e alcune stime sostengono che il 70 per cento della loro popolazione sia stato eliminato durante l’Olocausto. L’anno scorso, i tabloid europei si scatenarono in accuse nei confronti dei rom per il furto di “bambine bionde” in Grecia e Irlanda (in entrambi i casi, si confermò poi che le bambine in questione erano rom).

Molti prevedono un buon risultato per i movimenti di destra e nazionalisti alle elezioni europee che iniziano il 22 maggio. Se sarà così, meglio aver presente questi grafici: come segnala il Pew Center “le opinioni negative sono assai più prevalenti tra le persone ideologicamente di destra”.

© Washington Post 2014

(Foto: Bratiana Radulescu e le sue due figlie a una cerimonia religiosa nel monastero di Bistrita in Romania; Sean Gallup/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.