• virgolette
  • Questo articolo ha più di otto anni

Il presidente della Palestina e l’olocausto

È stato il più odioso crimine dei tempi moderni, ha detto Abu Mazen ed è una delle rare volte in cui a dirlo è stato un leader arabo

Domenica 27 aprile, giorno in cui in Israele si celebra il ricordo dell’Olocausto, Mahmoud Abbas – presidente dell’Autorità Nazionale Palestinese, cioè l’organismo politico di governo della Palestina – ha detto:

«L’olocausto è stato il più odioso crimine contro l’umanità dei tempi moderni»

Come ha notato l’agenzia di stampa Associated Press, si tratta di uno dei pochissimi casi in cui un leader arabo ha riconosciuto il genocidio nazista che costò la vita a circa sei milioni di ebrei. Il commento è stato particolarmente significativo anche perché è arrivato pochi giorni dopo l’annuncio di un accordo tra le due principali fazioni palestinesi, Al-Fatah e Hamas, accolto molto poco positivamente da Israele: il governo di Israele riconosce infatti Hamas come un’organizzazione terroristica, e accusa chi si allea con il gruppo di desiderare la distruzione di Israele.