11 romanzi di Gabriel García Márquez

Come cominciano i suoi libri più famosi, per chi non li ha mai letti (e anche per chi sì, e più di una volta)

Gabriel Garcia Marquez, uno dei più noti e amati scrittori al mondo, è morto giovedì 17 aprile a Città del Messico, a 87 anni. Nel 1982 aveva vinto il Nobel per la Letteratura, aveva scritto tredici raccolte di racconti e undici grandi romanzi. Il primo, Foglie morte, fu pubblicato nel 1955; l’ultimo è stato Memorie delle mie puttane tristi, nel 2004, quello più famoso, Cent’anni di solitudine, uscì nel 1967. Una delle caratteristiche che rende memorabili i suoi libri è l’estrema efficacia degli attacchi: chi ha letto Cent’anni di solitudine ricorda certamente il formidabile incipit, con il ghiaccio e le «cose prive di nome». Per chi li conosce bene e vuole rileggerli, e per chi non li ha letti ma ci si vuole avvicinare, abbiamo raccolto le prime pagine dei suoi undici grandi romanzi.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.