• Media
  • martedì 15 aprile 2014

L’inchiesta di Report su RCS

La trasmissione di Milena Gabanelli si è occupata della società editrice del Corriere della Sera, con cui collabora, e dei suoi debiti

Lunedì 14 aprile la trasmissione di RaiTre Report ha trasmesso un’inchiesta di Giovanna Boursier su RCS Mediagroup, la società editrice che tra le altre cose pubblica il Corriere della Sera, uno dei principali quotidiani italiani. Durante la puntata sono state ricostruite le attività finanziarie di RCS degli ultimi anni, dalla controversa acquisizione del gruppo editoriale spagnolo Recoletos nel 2007, che costò circa 1,1 miliardi di euro, ai problemi dovuti alla crisi economica che hanno portato a un indebitamento nel 2012 di circa 800 milioni di euro in scadenza con le banche, a partire da Intesa Sanpaolo, azionista della società editrice. Per rimettere in sesto i conti, nel 2013 sono stati decisi un aumento di capitale e la vendita di alcune attività e proprietà ritenute meno strategiche, compresa parte della sede storica del Corriere della Sera, in via Solferino a Milano. L’inchiesta ha raccontato questa e altre vicende intervistando l’amministratore delegato di RCS, Pietro Scott Jovane, il direttore del Corriere della Sera Ferruccio De Bortoli e alcuni azionisti della società come Diego Della Valle.

L’inchiesta è interessante anche perché Report dall’ottobre del 2011 ha una collaborazione proprio col Corriere della Sera, con un proprio spazio sul sito. Si chiama “Reportime” e pubblica inchieste e approfondimenti di vario tipo, con video in esclusiva spesso su argomenti diversi rispetto a quelli affrontati nelle puntate che vanno in onda su RaiTre. L’iniziativa è stata rilanciata e ripresa diverse volte dal direttore del giornale De Bortoli, che di recente ha avuto momenti di forte tensione con la dirigenza di RCS, perché si era opposto alla possibilità che i suoi manager potessero ottenere bonus in un momento di crisi del giornale e delle altre attività editoriali del gruppo.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.