• Italia
  • venerdì 25 maggio 2012

Pietro Scott Jovane sarà il nuovo amministratore delegato di RCS

Ha 44 anni, è già alla guida di Microsoft Italia, dice di "non aver mai fatto politica" e si definisce "abbastanza smanettone"

Pietro Scott Jovane sarà il nuovo amministratore delegato del gruppo RCS. Ha 44 anni, è nato a Cambridge (Stati Uniti) ed è già presidente e amministratore delegato di Microsoft Italia. Da giorni Jovane veniva indicato come il favorito (su Gabriele Del Torchio, leader storico di Ducati) e stasera, al termine di un consiglio di amministrazione durato quasi tre ore nella sede di RCS Mediagroup, a Milano, si è appresa la notizia per ora confermata da “fonti finanziarie”. In serata è atteso un comunicato stampa. Il primo azionista del gruppo RCS Giuseppe Rotelli ha detto di essere «molto soddisfatto» per la nuova nomina: «Il voto è stato unanime. Ci apriamo alle nuove tecnologie del terzo millennio». Scott Jovane, grande esperto di informatica, Internet e new media, sarebbe stato chiamato proprio per “portare RCS nell’età dei nuovi media”.

Scott Jovane, che ha un profilo Twitter e anche LinkedIn dove si può ripercorrere gran parte della sua carriera, si è laureato in Economia e Commercio presso l’Università degli Studi di Pavia. Nel 1994 ha lavorato nel team rappresentante gli azionisti (Pilkington e Techint) preposto alla prima privatizzazione italiana: il Gruppo Vetrario SIV. A New York dal 1998 al 2000 è stato Chief Financial Officer per il Nord America del Gruppo Versace. Nel 2000 poi è rientrato in Italia, dove ha assunto l’incarico di Chief Financial Officer di Matrix e poi quello di Responsabile del Controllo di Gestione del Gruppo Seat (allora Divisione Internet & Media di Telecom Italia). Come si legge nella sua biografia del sito della Microsoft, dove è entrato nel 2003 prima di diventare amministratore delegato del ramo italiano dell’azienda nel 2008, “Pietro, sposato e padre di due figli, dedica la maggior parte del proprio tempo libero alla famiglia”.

Negli ultimi mesi Scott Jovane ha rilasciato alcune interviste a diverse testate italiane. In una di queste, molto ampia e interessante, concessa a Vittorio Zincone per Sette del Corriere della Sera nell’aprile del 2010, Scott Jovane dice di aver “fatto l’asilo a Napoli, elementari tra Bari e Milano, medie e liceo a Oxford”. Inoltre, dice di “non aver mai fatto politica”, di avere un kindle ma di non rinunciare ad andare in libreria, di essere “abbastanza smanettone: mi assemblo da solo il pc e testo l’installazione dei nostri software (di Microsoft, ndr) prima della loro uscita sul mercato”.  Inoltre, Scott Jovane fa capire che il futuro dei giornali sarà principalmente su Internet, lontano dalla carta stampata, ed elenca i suoi gusti artistici. Film preferito: Nuovo cinema Paradiso di Giuseppe Tornatore. Libro: Il giovane Holden di Jerome David Salinger. Canzone: Stairway to Heaven dei Led Zeppelin.

foto: Mauro Scrobogna/La Presse

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.