Muhammed Muheisen, fotografo

Le bellissime immagini scattate negli ultimi mesi dal 32enne scelto da Time come miglior fotografo di news, nonché premio Pulitzer

Negli ultimi tre mesi l’agenzia di stampa internazionale Associated Press ha diffuso tante fotografie scattate in Pakistan da Muhammed Muheisen, 32 anni, uno dei fotografi più premiati degli ultimi anni: lo scorso dicembre Time lo ha scelto come miglior fotografo di news del 2013, mentre pochi mesi prima era stato premiato con il premio Pulitzer “Breaking News” insieme ad altri fotografi di Associated Press per i loro reportage sulla guerra in Siria.

Muheisen è originario della Giordania e vive da diverso tempo in Pakistan, a Islamabad, dove lavora come primo fotografo di Associated Press nel paese. Dalle fotografie si intuisce il rapporto intimo che ha con questi posti e soprattutto con le sue persone: Muheisen fotografa soprattutto bambini, molti dei quali profughi afghani (il Pakistan per più di 30 anni ha accolto quella che è una delle più grandi comunità di profughi del mondo) ma anche piccoli pakistani alle prese con le lezioni di Corano nelle scuole islamiche, con i loro giochi nei quartieri poveri di Islamabad o mentre vengono sottoposti al vaccino antipoliomielite. Nelle foto ci sono poi le donne che lavorano nelle fabbriche di mattoni vicino Islamabad, anziani che pregano, persone che mostrano i ritratti dei loro familiari morti durante frequenti attacchi suicidi – il Pakistan da diversi anni è coinvolto da violenze e scontri tra sciiti e sunniti, ed è considerato rifugio di molti miliziani di al Qaida – ma anche ragazze che passeggiano, giochi su giostre improvvisate e venditori di palloncini che danno colore a un contesto di generale desolazione.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.