9 fotografie dell’Italia negli anni Ottanta

Ragazzini in costume, gelati, preti e signore: un bel libro raccoglie le immagini scattate da Charles Traub a Napoli, Venezia, Roma, Milano

La casa editrice Damiani ha pubblicato il libro Dolce Via: Italy in the 1980s, la prima raccolta completa delle immagini scattate in Italia all’inizio degli anni Ottanta dal fotografo americano Charles H. Traub. Le fotografie ritraggono con colori vivaci e brillanti scene di vita quotidiana a Napoli, Roma, Milano, Venezia, dipingendo un’Italia che non esiste più, o che forse è esistita soltanto in un mondo immaginario, creato dai film e dalle aspettative degli stranieri che venivano a visitarla.
Luigi Ghirri – famoso fotografo e professore emiliano, amico e guida di Traub – commentò una volta le fotografie di Traub dicendo: «Vedi le nostre debolezze, ci spogli e ci denudi, fai l’amore attraverso la macchina fotografica e infine ci veneri».

Gli scatti raccolti nel volume sono stati precedentemente esposti al Museo Hudson River, alla Light Gallery di New York e alla Galleria Agorà di Torino negli anni Ottanta. Il libro è accompagnato da una prefazione dell’importante critico di fotografia Max Kozloff, e da uno scritto di Luigi Ballerini, poeta, scrittore e docente di letteratura italiana moderna e contemporanea all’Università della California di Los Angeles (UCLA).

Charles H. Traub è nato nel 1945, ha fondato e dirige il dipartimento MFA Photography, Video, and Related Media alla School of Visual Arts di New York, ed è presidente della Fondazione Aaron Siskind. Le sue fotografie sono state esposte in tutto il mondo, e sono state raccolte in sette volumi, tra cui Beach (1977), Italy Observed (1988), and Still Life in America (2004). Charles Traub si può seguire anche su Twitter.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.