• Mondo
  • giovedì 20 marzo 2014

Fotografie dalla Siria in guerra

Interi quartieri distrutti dai bombardamenti, lunghe file di profughi ai checkpoint militari, e missili, fucili, bombe e fionde: e sono passati tre anni

È passato da qualche giorno il terzo anniversario dell’inizio della guerra in Siria. Al di là delle valutazioni sull’andamento del conflitto – difficili da fare con precisione, per la scarsità di informazioni provenienti soprattutto da alcune zone del paese – ci sono almeno due problemi enormi che la popolazione siriana sta affrontando: la distruzione completa di intere parti di città a causa dei massicci bombardamenti dell’aviazione governativa e le centinaia di migliaia di profughi, sparsi dentro e fuori la Siria, che vivono da mesi in condizioni al limite della sopravvivenza.

Per questo le foto che arrivano dalla Siria rimangono impressionanti: mostrano interi quartieri di Aleppo distrutti dalle bombe, profughi siriani di tutte le età in tende o abitazioni di fortuna e in file lunghissime per ricevere la razione di cibo giornaliera dagli operatori internazionali. La Siria sta affrontando anche un altro problema, di cui si parla molto di rado sulla stampa internazionale: i danneggiamenti del suo patrimonio storico e artistico. Il simbolo di questo fenomeno è la distruzione di Palmira, un sito archeologico dichiarato “Patrimonio dell’umanità” che si trova all’interno di un’oasi a circa 240 chilometri a nord-est di Damasco.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.