• Mondo
  • mercoledì 26 febbraio 2014

La foto della diga di Folsom, prima e dopo la siccità

Mostra il livello dell'acqua del 2011 e quello di oggi, in seguito alla peggiore siccità che ha colpito la California negli ultimi 119 anni

Nel gennaio scorso Jerry Brown, governatore della California, ha definito la siccità che aveva colpito il suo stato come la peggiore degli ultimi 119 anni, cioè da quando si è cominciato a misurarla e registrarla. I fiumi e le riserve idriche si erano ridotti molto al di sotto della norma e Brown aveva dichiarato lo stato di emergenza, invitando gli abitanti a ridurre il consumo di acqua del 20 per cento. Secondo alcune stime, il 2014 potrebbe essere uno degli anni più aridi di sempre per lo stato americano. Non sarebbe comunque un cambio netto di tendenza rispetto al recente passato, visto che il 2013 è stato l’anno in cui è piovuta meno acqua da quando la California è diventata uno stato, nel 1850.

Il Dipartimento delle risorse idriche della California ha diffuso una fotografia – riportata anche sul sito della NASA – che mette a confronto le condizioni della diga di Folsom, vicino Sacramento, nel 2011 e oggi. Una fotografia è stata scattata il 20 luglio 2011, quando la diga era al 97 per cento della sua portata massima; l’altra è stata scattata il mese scorso, il 16 gennaio, e mostra una diminuzione della portata fino al 17 per cento.

Folsom Lake

(l’immagine si ingrandisce con un clic)

Negli ultimi dieci anni la Nasa ha investito molte risorse in nuovi programmi e tecniche di monitoraggio satellitare, come il Terrestrial Observation and Predictions System (TOPS) e il NASA Earth Exchange, che in questo caso permettono al governo di ricavare in tempo reale dati utili per pianificare possibili interventi. Un nuovo progetto avviato dal governo californiano prevede la costruzione di due lunghi canali sotterranei che prendano l’acqua a monte dai due maggiori fiumi californiani – il Sacramento e il San Joaquin, che scorrono nel nord della California – e la convoglino fino a valle, dove si trovano le riserve da cui l’acqua viene distribuita a tutto lo stato.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.