• Media
  • martedì 28 Gennaio 2014

È stato arrestato il capo di BitInstant

Il 24enne americano Charlie Shrem è accusato di aver convertito un milione di dollari in Bitcoin, poi usati per comprare droga su Silk Road

Lunedì 27 gennaio è stato arrestato a New York Charlie Shrem, 24enne americano fondatore e capo di BitInstant, una della più note società che permettono di convertire dollari in Bitcoin, il sistema per produrre e scambiarsi moneta virtuale su Internet. Shrem è inoltre fondatore e capo di “Bitcoin Foundation”, un’associazione che promuove l’uso della valuta elettronica virtuale.

Una newsletter sul dannato futuro dei giornali

Shrem è stato accusato di «aver convertito un milione di dollari in Bitcoin per reati legati al traffico di narcotici», utilizzati per acquistare la merce su Silk Road, il più conosciuto tra i siti illegali di e-commerce chiuso dalle autorità americane l’1 ottobre 2013. Shrem è inoltre accusato di avere comprato personalmente droga da Silk Road. Dopo la notizia dell’arresto di Shrem il valore di un Bitcoin è sceso del sette per cento, e al cambio attuale equivale a circa 810 dollari, l’equivalente di circa 590 euro.

Charlie Shrem, a destra, dopo l’arresto: foto AP Photo/ Louis Lanzano