• Sport
  • domenica 26 gennaio 2014

Stanislas Wawrinka ha vinto gli Australian Open

Alla sua prima finale di Grand Slam, il tennista svizzero ha sconfitto Rafael Nadal, numero 1 della classifica mondiale, dolorante alla schiena

Il tennista svizzero Stanislas Wawrinka ha sconfitto in finale lo spagnolo Rafael Nadal in quattro set (6-3, 6-2, 3-6, 6-3) e ha vinto a Melbourne il torneo degli Australian Open: è il primo torneo del Grand Slam che vince. Wawrinka ha 28 anni, non era mai arrivato in una finale di un torneo del Grand Slam prima d’ora, e ha smentito la gran parte dei pronostici, che davano vincente Nadal, numero uno nella classifica mondiale della ATP (Association of Tennis Professionals). Dal 1993 a oggi Wawrinka è l’unico tennista ad aver incontrato e battuto durante uno stesso torneo del Grand Slam il numero uno e il numero due del mondo, Nadal in finale e Novak Djokovic nei quarti, ed è anche il solo tennista in assoluto ad aver battuto sia Nadal sia Djokovic in uno stesso torneo: da lunedì 27 gennaio sarà in terza posizione nella classifica ATP.

Dall’inizio del secondo set Nadal ha avuto dolori alla schiena e in alcuni momenti ha giocato praticamente da fermo: il fisioterapista è dovuto intervenire in campo per cercare di alleviare il dolore e permettergli di proseguire la partita. Durante l’intervista in campo dopo la consegna dei trofei, Nadal si è commosso e ha detto: «Non sono stato fortunato ma hai meritato di vincere, Stan, e scusate se ho concluso in questo modo».

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.