• Mondo
  • martedì 7 gennaio 2014

30 fotografie degli Stati Uniti ghiacciati

Giornate di freddissimo nella zona nordorientale del paese, e di panorami e scene da film

Da tre giorni parte del Canada e degli Stati Uniti nord orientali sono interessati da una perturbazione che ha portato un grande freddo, con temperature così basse come non si vedevano in questo periodo dell’anno da decenni. A Central Park, New York, la temperatura percepita è arrivata a -25 °C (non faceva così freddo il 7 gennaio da 118 anni). A Chicago la temperatura è arrivata a -23 °C, in Minnesota, vicino al confine con il Canada, a -45 °C e in Montana a -53 °C.

Il grande freddo e le nevicate degli ultimi giorni hanno causato, direttamente o indirettamente, la morte di almeno 17 persone in Indiana, Oklahoma e Illinois. Complessivamente, i meteorologi stimano che le gelate di questi giorni stiano interessando circa la metà della popolazione degli Stati Uniti. Anche in North Dakota e Minnesota la situazione è piuttosto grave: il National Weather Service ha avvertito che nei due stati il freddo è così intenso che senza adeguate protezioni può portare alla morte per assideramento in pochi minuti.

NBC News scrive che i rifugi per i senzatetto in tutto il paese sono stati raggiunti da moltissime persone in cerca di un posto riparato dal freddo. I disagi che hanno colpito il paese riguardano anche la rete elettrica di alcune città americane e soprattutto i trasporti: martedì sono stati cancellati quasi 3000 voli, che insieme a quelli di lunedì fanno circa 7000 voli cancellati in due giorni. I treni della compagnia ferroviaria federale Amtrak hanno subito numerosi ritardi tutto il giorno: nella notte tra lunedì e martedì un treno diretto a Chicago, in Illinois, è rimasto intrappolato nella neve. I circa 500 passeggeri sono rimasti bloccati sul treno per diverse ore (all’esterno la temperatura era di 20 gradi sotto zero), prima di essere riportati a Chicago con degli autobus. CNN spiega che per il freddo eccessivo è stato necessario tenere al chiuso anche gli orsi polari dello zoo della città.

Il freddo di questi giorni in Nord America è causato da una anomala estensione verso sud del vortice polare, l’ampia area di bassa pressione che si trova al di sopra del Polo Nord e che nelle ultime settimane si è rafforzata più del solito, trovando poi sfogo verso il Nord America in seguito ad alcuni eventi meteorologici favorevoli, come la presenza di altre aree di bassa pressione.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.