• Mondo
  • mercoledì 25 Dicembre 2013

Il messaggio di Natale di Edward Snowden

Lo ha trasmesso il canale britannico Channel 4, che ogni anno manda in onda un'alternativa a quello della Regina

Mercoledì 25 dicembre il canale televisivo britannico Channel 4 ha mandato in onda un breve videomessaggio di Edward Snowden, l’ex analista dell’intelligence statunitense che ha rivelato i programmi di sorveglianza della National Security Agency. Il video di Snowden è il “messaggio di Natale alternativo” di quest’anno della rete televisiva, che esiste dal 1993 ed è una sorta di risposta – a volte dai toni seri, altre volte ironici – al messaggio della Regina. Tra coloro che lo hanno fatto nel corso degli anni ci sono il reverendo Jesse Jackson, Marge e Lisa Simpson, Brigitte Bardot e un soldato che ha perso una gamba in Afghanistan.

Snowden ha parlato dell’importanza della privacy e di come la tecnologia odierna la metta seriamente in pericolo. «La privacy è importante, la privacy è ciò che ci permette di determinare chi siamo e chi vogliamo essere». Ha concluso con una sorta di appello: «Insieme possiamo trovare un equilibrio migliore, porre fine alla sorveglianza di massa e ricordare al governo che se vuole veramente sapere come ci sentiamo, chiedere è sempre più economico di spiare».

Edward Snowden ha 30 anni ed è un ex analista statunitense: lavorava alla Booz Allen Hamilton Inc., un’azienda informatica che collaborava con la National Security Agency (NSA), prima che il suo nome divenisse popolare per la rivelazione di documenti riservati che svelavano i programmi di sorveglianza dell’intelligence statunitense e di quella britannica. Le rivelazioni furono alla base di importanti inchieste portate avanti a partire da giugno 2013 dal Guardian, dal New York Times e dal Washington Post, congiuntamente. Snowden vive da circa quattro mesi a Mosca, e lì è stato raggiunto ieri, per una lunga intervista, dal giornalista investigativo del Washington Post Barton Gellman, premio Pulitzer ed esperto di sicurezza e intelligence.