IlPost

Hai perso la password? (chiudi)
  • Mondo
  • lunedì 23 Dicembre 2013

Le prime 48 ore di libertà di Khodorkovsky

Ha rivisto la sua famiglia, ha dato un'intervista, ha tenuto una conferenza stampa e ha chiesto un iPhone e un iPad, per imparare a usarli

Mikhail Khodorkovsky, l’ex uomo più ricco della Russia e uno dei prigionieri più famosi e politicamente influenti del paese, ha trascorso nel fine settimana i suoi primi giorni da uomo libero, parlando alla stampa e incontrando i suoi parenti, che non vedeva da molti anni. I reati per cui Khodorkovsky era in carcere non erano stati inclusi nel provvedimento di amnistia votato la scorsa settimana dalla Duma, ma Putin ha detto che i dieci anni che aveva scontato erano una “pena pesante” e ha deciso di accettarne la richiesta di grazia – che non implicava l’ammissione di colpevolezza – presentata per motivi familiari.

Khodorkovsky è stato liberato il 20 dicembre subito dopo la firma del decreto: è stato svegliato alle 2:30 del mattino nella cella della prigione nel nord della Russia in cui era detenuto e trasportato in elicottero a San Pietroburgo, dove gli è stato consegnato un passaporto. Su un aereo inviato dall’ex ministro degli esteri tedesco Hans-Dietrich Gensher, che negli ultimi due anni e mezzo ha segretamente negoziato il suo rilascio con Vladimir Putin, è arrivato a Berlino dove è stato accolto dal figlio Pavel, arrivato da New York con la sua bambina di 4 anni che Khodorkovsky non aveva mai conosciuto, e dai suoi genitori: la madre Marina e il padre Boris. Ad attenderlo c’era anche un gran numero di giornalisti arrivati da tutto il mondo.

Durante la prima intervista data alla rivista di opposizione russa New Times, Khodorkovsky ha detto di avere l’intenzione di tornare in Russia, ma solo dopo l’annullamento da parte della Corte Suprema di una causa a suo carico per frode fiscale. Una delle sue prime richieste da uomo libero è stata avere un iPhone e un iPad per imparare ad usarli: «Non ne aveva mai visto uno ma ne aveva letto molto», ha detto il figlio Pavel Khodorkovsky al Daily Telegraph riportando anche il primo commento del padre: «Incredibile!».

Nel pomeriggio di domenica 22 dicembre, Mikhail Khodorkovsky ha tenuto una conferenza stampa dal Museo del Muro di Berlino, vicino al Checkpoint Charlie. In molti gli hanno chiesto che cosa avrebbe fatto e lui ha risposto: «Ho ottenuto la libertà solo 36 ore fa, e prima non pensavo sarebbe stato possibile fare progetti per il futuro». Ha precisato che non è interessato né al potere né alla politica e che la sua intenzione è invece dedicarsi alla liberazione dei prigionieri politici in Russia e nel mondo.

Khodorkovsky si trovava in carcere dal 2003, il suo fu considerato dalla maggior parte degli analisti e dei media internazionali un processo politico, voluto da Putin per sbarazzarsi di uno degli uomini più potenti della Russia, che prima di finire in carcere progettava di scendere in politica. Khodorkovsky fu spedito in Siberia, ma la sua storia è diventata un simbolo della gestione reazionaria e arbitraria del potere da parte di Vladimir Putin. Quando, durante la conferenza stampa, i giornalisti gli hanno chiesto se avrebbe potuto perdonare Putin, lui ha dichiarato: «Io giocavo in un sistema con regole molto dure. Ma loro non hanno fatto del male alla mia famiglia, e questo mi rende meno emotivo e più pragmatico verso Putin».