• Cultura
  • Questo articolo ha più di nove anni

I 60 anni di Kim Basinger

Li ha compiuti oggi, e non si direbbe: ha fatto un sacco di film ma in molti la ricordano soprattutto per uno spogliarello con Joe Cocker in sottofondo

Kim Basinger compie oggi sessanta anni, e non si direbbe: nel senso che non li dimostra, che è una cosa che si dice di molte attrici belle e famose non più giovanissime, ma che per lei vale più del solito, a vedere certe sue fotografie recenti.

Nei suoi sessanta anni Kim Basinger – che ha fatto molte cose, tra cui posare per Playboy nel 1983, prima di diventare famosa – ha fatto soprattutto film, e ne ha fatto uno in particolare per cui viene citata e sarà ancora citata a lungo: 9 settimane e ½, diretto da Adrian Lyne nel 1986 e interpretato da lei e Mickey Rourke (uno che è invecchiato meno bene, per dire). La scena dello spogliarello in quel film diventò talmente popolare negli anni che ancora oggi in molti – soprattutto i più giovani – si chiedono se quella canzone, You can leave your hat on di Joe Cocker, esistesse già prima del film (sì).

Poi fu tante altre cose, in altri film: un’aliena moglie di Dan Aykroyd in Ho sposato un’aliena, nel 1988; la giornalista Vicki Vale nel primo e tra i più amati film su Batman, nel 1989; Lynn Bracken, una prostituta identica a Veronica Lake, in L.A. Confidential, nel 1997. Il film più recente in cui ha recitato – Third Person, di Paul Haggis – è stato presentato a settembre al Toronto International Film Festival e sarà distribuito nella primavera del 2014, ma a gennaio arriverà nelle sale italiane Il grande match, diretto da Peter Segal, in cui recita insieme a Robert De Niro e Sylvester Stallone.