• Mondo
  • lunedì 21 Ottobre 2013

Gli incendi in Australia continuano

Durano da una settimana nello stato di Sydney, sono più di cinquanta, e le cose non miglioreranno col caldo dei prossimi giorni

Da una settimana circa alcuni grandi incendi stanno bruciando ampie porzioni di territorio nel Nuovo Galles del Sud (New South Wales), lo stato nel sud-est dell’Australia con capitale Sydney. Nelle ultime ore l’attenzione dei vigili del fuoco e delle squadre di soccorso si è concentrata nella zona di Lithgow, una città nelle Blue Mountains, le montagne che fanno parte della Grande Catena Divisoria, dove tre grandi incendi si potrebbero unire formando un unico fronte di fiamme molto difficile da contenere. Nell’area, come in buona parte del Nuovo Galles del Sud, è stato dichiarato lo stato di emergenza e secondo gli esperti le cose peggioreranno nei prossimi giorni.

Durante una conferenza stampa tenuta lunedì 21 ottobre, il responsabile del Servizio incendi rurali Shane Fitzsimmons ha spiegato che sono ancora attivi 58 incendi nello stato e che 14 di questi sono fuori controllo. Per diverse comunità è stato imposto lo sfollamento nel timore che gli incendi possano bruciare altri edifici. In diverse aree sono state anche sospese le forniture di energia elettrica e di gas.

I vigili del fuoco lavorano da giorni, ma le condizioni del clima non sono a loro favore. Per i prossimi giorni è prevista una nuova ondata di caldo, con forti venti, che potrebbero causare una diffusione più rapida degli incendi. In Australia è frequente che nella stagione calda (ora è primavera) si verifichino grandi incendi, spesso causati dalla caduta di fulmini, cortocircuiti elettrici e talvolta da piromani. Quest’anno la stagione degli incendi è iniziata prima del solito a causa della siccità e delle temperature al di sopra della media.